Reiki Milano

Traditional and contemporary teachings

with Dr. Alessandro Segalini

(Dorje Shiayvam Atothas)

Amethyst Dharma Center

Milano (Italy)

REIKI

CORSI

TRATTAMENTI

LETTURE

Il trattamento Reiki - trattamento Reiki Come si svolge trattamento Reiki Come si effettua trattamento Reiki Come si svolge trattamento Reiki Come si effettua trattamento Reiki Come si svolge trattamento Reiki Come si svolge la seduta Come si svolge la seduta Seduta reiki Come si svolge la seduta reiki

 

Il trattamento Reiki

(o Massaggio Reiki)

Per ricevere un trattamento a Milano leggi qui

"Staring at affected area, breathing onto it, stroking with hands, laying on of hands and patting lightly with hands are the way of treatment"

"Fissare con lo sguardo l'area problematica, eseguirvi delle respirazioni [energetiche], sfregarla con le mani, appoggiarvi sopra le mani e picchiettarla delicatamente con le mani sono i modi per trattare"

(Mikao Usui, Usui Reiki Hikkei, The Usui Reiki Handbook)

Nel video: dimostrazione di un trattamento Reiki avanzato eseguito da Dorje Shiayvam Atothas, includente antiche tecniche appartenenti alla tradizione Reiki quali sfregamenti, battimenti ed agopressioni.
Il trattamento illustrato, tuttavia, non è la seduta standard usualmente praticata: la stragrande maggioranza degli operatori e degli insegnanti, infatti, se richiesta di eseguire unicamente una "seduta Reiki" senza altri abbinamenti, si limita ad imporre le mani in modo statico su persona vestita.


Come con ogni tecnica ancora poco conosciuta, il primo approccio al trattamento Reiki può suscitare non solo curiosità, ma anche qualche timore. Infatti, chi vi si sottopone, talvolta non sa bene cosa aspettarsi.

Dal momento che questo sito internet rientra tra i portali leader in Italia nella diffusione di informazione e formazione in tema, si è pensato di stilare questa pagina per venire incontro a chi desidera provare a sottoporsi ad un trattamento Reiki, avendo letto articoli in tema su siti web, riviste o libri o semplicemente avendone sentito parlare, oppure perché consigliato da amici e se ne senta chiamato, ma non abbia le idee chiare su come si svolgerà la seduta.

 IL TRATTAMENTO REIKI COME SI SVOLGE

 

 

Novembre e Dicembre 2017 a MILANO

Il nostro corso base di Reiki Usui

€ 130,00

 

I trattamenti di Reiki (secondo qualcuno, terapie, recentemente detti anche massaggio reiki) possono eseguirsi tramite la contemporanea presenza dell'operatore e del ricevente (attraverso l'imposizione delle mani) oppure con trattamenti a distanza (metodo utilizzabile, in caso di necessità, dall'operatore di secondo livello).   Massaggio

Normalmente i trattamenti si svolgono con la prima modalità.

La seduta inizia, solitamente, con un colloquio che permette di mettere a proprio agio la persona e consente all'operatore un primo approccio con la stessa, volto ad iniziare ad inquadrare le eventuali problematiche esistenti. Reiki, infatti, molto più che altre tecniche energetiche, tiene conto del lato psicologico e spirituale della persona. Ogni emozione, ogni paura, qualsiasi disagio venga esternato sarà importante per l'operatore.

Successivamente si passa alla parte pratica.

L'operatore invita il ricevente a:

1) Rimuovere metalli ed oggetti solidi

Monili, catene, medaglie, anelli ed ogni altro oggetto che porti indosso, fossero anche cristalli: interferirebbero con l'energia (i metalli, sia assorbendola che deviandola, i cristalli assorbendola e comunque interferendo, altri oggetti fungendo da vera e propria barriera).

2) Restare con l'abbigliamento adeguato

Qualora si applichi uno dei metodi tradizionali più frequentemente praticati, ben può essere indossato un abbigliamento comodo, preferibilmente di fibra naturale e ridotto al numero minimo di strati, dato che ogni strato è comunque una barriera all'energia inviata dalla mano di colui che canalizza Reiki.

Lo scenario muterà, tuttavia, nei casi in cui l'operatore intenda praticare altre tipologie di Reiki, oppure offra, nelle proprie sedute, Reiki abbinato ad una qualche tecnica di massaggio (di qualsiasi tipologia, si tratti anche delle manualità originariamente associate allo stesso Reiki giapponese, oggi ancora insegnate nel Japanese Reiki, nel Komyo Reiki e nell'Usui Teate Reiki) secondo una prassi sempre più diffusa in Italia come all'estero. In tal caso, per svariate ragioni, gli indumenti dovranno essere rimossi, con l'eventuale eccezione della zona pubica, più che altro per rispettare ragioni di pudore e riservatezza non ancora completamente dissoltesi.

Chi è alla ricerca di un trattamento Reiki, potrà comunque consultare l'operatore prescelto per comprendere come costui intenda eseguire il trattamento, eventualmente esternando dubbi e paure prima di presentarsi all'incontro o comunque prima di iniziare. Il trattamento infatti (in ogni modo venga eseguito) è un momento di silenzio e meditazione, in cui sia chi canalizza Reiki, sia chi lo riceve, si riconoscono parti di un unico Tutto, del Quale condividono e risvegliano (ognuno in sé) la Luce e l'energia vitale. Per ottenere questo stato di coscienza e di essere, è opportuno che non si verifichino equivoci od incomprensioni e che, pertanto, ogni aspetto sia concordato (e se del caso, simulato) prima di iniziare.

In generale possiamo comunque dire che, mentre è sicuramente conveniente mantenere coperte le zone intime dell'area pubica, sarà lasciata alla discrezione dell'operatore (a seconda del metodo utilizzato), nonché al necessario consenso del ricevente la decisione di trattare il torace sulla pelle o con uno strato di vestiario. Per la donna, sarà opportuno rimuovere in ogni caso il reggiseno, il cui effetto stringente impedirebbe all'energia (e, ancor prima, al sangue ed all'ossigeno in esso veicolato) di circolare liberamente.

 
 

3) Distendersi

Normalmente (eccettuato il caso di serie patologie che rendano estremamente difficoltoso coricarsi e suggeriscano di trattare la persona seduta), la persona ricevente viene invitata a distendersi sul lettino o su un apposito tappetino e rilassarsi, ad occhi chiusi oppure aperti, cercando di osservare il silenzio e di utilizzare l'ora del trattamento Reiki per ascoltarsi nel profondo ed ascoltare l'energia che scorre, senza attaccarsi a pensieri.

L'operatore che ne sia in grado, eseguirà una scansione energetica passando le mani a qualche centimetro di distanza dal corpo del ricevente, per tutta la sua estensione. In tal modo, secondo il suo personale sentire, avvertirà l'eventuale presenza di zone energeticamente squilibrate (scariche, sovraccariche o stressate). Per non distorcere la percezione dell'energia nelle varie zone, già in fase di scansione è importante che non vi siano parti del corpo più coperte di altre (è una delle ragioni per cui, se non si intende spogliarsi, converrà rimuovere indumenti intimi stretti).

Ciò non significa che il praticante di Reiki debba essere un indovino (per quanto ne esistano) e che possa essere in grado di indovinare la presenza di patologie non dichiarate. E' abbastanza banale e finanche controproducente il tentativo di mettere alla prova l'operatore, tacendo volutamente l'esistenza di patologie o traumi pregressi per verificare se lo stesso sia in grado di rilevarli. La scansione riguarda il lato energetico, e può indicare all'operatore se vi siano zone energeticamente stressate e sovraccariche, oppure spente. A seconda della zona, sarà possibile capire, semmai, in quale lato della vita la persona si sente più stressata. Certamente, da tali squilibri, con effetto "domino" potrebbero verificarsi (o essersi già verificate) patologie fisiche. Ma non è mai utile tacerle. Il paziente ha il dovere di collaborare con l'operatore, fornendogli ogni elemento possa risultare utile.

In questa fase può essere fatta attività di sperimentazione. L'insegnante o praticante Reiki a ciò addestrato, potrà focalizzarsi su una particolare problematica propria della persona ricevente, chiedendole ad esempio di ricordare una vicenda spiacevole allo scopo di monitorare la reazione dei chakra e rilevare cosa accade durante uno sfogo emozionale.

4) Ricevere l'imposizione delle mani

Quindi, inizierà il trattamento vero e proprio, in cui l'operatore appoggerà le mani lungo tutto il corpo, dalla testa ai piedi, su entrambi i lati, seguendo schemi di posizioni standardizzati, che verranno integrati con eventuali posizioni aggiuntive secondo quanto rilevato nella scansione. Si veda, per un approfondimento, la pagina Posizione delle mani Massaggio reiki - trattamento reiki

Tutto ciò che il paziente avverte inizialmente durante il trattamento - massaggio Reiki, non è altro che il contatto delle mani del terapeuta sul proprio corpo, spesso unitamente ad una sensazione di calore o di formicolio nella parte toccata o in altra zona del corpo.    massaggio

Durante il tempo del contatto, variabile da un quarto d'ora ad oltre un'ora, l'Energia universale fluisce (attraverso le mani dell'operatore, che funge da canale di trasmissione) nella persona trattata, nel suo corpo fisico e nei suoi corpi sottili, andando a colmare le zone di maggiore carenza energetica.

E' importante che l'operatore al quale sceglieremo di affidarci (e con cui potremo decidere di continuare i trattamenti) ci faccia sentire a nostro agio e che i trattamenti siano considerati un momento piacevole, un appuntamento nel quale si avrà l'occasione non soltanto di favorire un maggior benessere fisico, ma anche di "sciogliere" qualche nodo emozionale.

C'è, pertanto, chi ha scelto di affidarsi ad un operatore di grande esperienza, avanti con l'età e del suo stesso sesso, sentendo in tal modo una maggiore garanzia che ogni seduta si svolgerà all'insegna dell'abbandono e del rilassamento senza neppure sfiorare il rischio di reciproche attrazioni (ciò, ovviamente, nel caso di orientamento eterosessuale). Viceversa, c'è chi non si cura di questo aspetto ed anzi, preferisce un operatore di sesso opposto, sapendo che in tal modo si realizzerà un'unione delle energie Shiva e Shakti su tutti i livelli e che vi è la possibilità disporre di un'energia ancora maggiore nel caso in cui l'operatore (il quale è una persona umana addestrata ad amarsi, accettarsi ed accettare ogni emozione) avverta in sé una qualche forma di attrazione verso la persona trattata, che saprà gestire e trasmutare. Nella cornice del trattamento, all'insegna della massima professionalità, tale attrazione sarà sublimata nell'accensione delle energie del primo chakra (Muladhara) e nell'attivazione della cosiddetta energia Kundalini, che intensificherà (talvolta in maniera esponenziale) l'energia utilizzata nel trattamento e conseguentemente anche gli effetti di una serie di terapie Reiki.

ormazioni sul massaggio reiki

Anche il contatto delle mani con il corpo dell'operatore è un fattore importante per il completo ingresso dell'energia negli "strati sottili" (assimilabili alla cosiddetta aura) e contemporaneamente nel corpo fisico della persona ricevente. Tuttavia, l'intento di diffondere questa pratica anche tra gli occidentali un po' diffidenti e sospettosi, con propria morale, usi e costumi, ha fatto sì che molti operatori acconsentissero di sostituire il contatto con l'imposizione delle mani ad una leggera distanza qualora il ricevente dichiari di avvertire disagio o imbarazzo per determinate zone del proprio corpo.

Per quanto attiene al dettaglio di ciò che avviene durante l'imposizione delle mani, è da dirsi che tutto dipende dai metodi utilizzati dall'operatore.

In genere si considera sufficiente la semplice imposizione delle mani, che saranno appoggiate e ferme; un contatto che sia fermo e al contempo leggero nella pressione, quantificabile da cinque a cinquanta grammi.

Si è accennato, in questo ed in altri articoli, a particolari manovre di manualità attiva contemplate da Reiki. Ebbene, in alcune branche del Reiki fedeli alla tradizione giapponese (ad es. i metodi Usui Teate Reiki e Komyo Reiki), si ammettono ancora oggi alcune manualità: Uchite-chiryoho ovvero picchiettamento; Nadete-chiryoho ovvero strofinamento; Oshite-chiryoho ovvero tecnica di agopressione, tutte da svolgersi con le mani sul corpo del ricevente e che vengono praticate dal sottoscritto operatore laddove se ne ravvisi la necessità.

Tali tecniche sono indicate nell'Usui Reiki Hikkei, il documento diffuso dall'associazione Usui Reiki Ryoho Gakkai e che si ritiene provenire dallo stesso Mikao Usui (fondatore del Reiki e della stessa associazione citata). Vi si legge infatti: "Fissare con lo sguardo l'area problematica, eseguirvi delle respirazioni [energetiche, N.d.C.], sfregarla con le mani, mantenervi appoggiate sopra le mani e colpirla delicatamente con le mani sono i modi per trattare".

Tali manovre agiscono, anche in modo automatico, sui numerosi determinati punti energetici dislocati sul corpo (denominati punti marma nella cultura indù, o punti di agopuntura nella cultura cinese), che - come ben sanno gli addetti ai lavori - devono essere localizzati in ogni persona, e talvolta "testati" uno ad uno per comprendere eventuali loro malfunzionamenti. Va da sé che, anche senza voler ungere il corpo di olio (il che trasformerebbe la seduta in un vero e proprio massaggio ayurvedico Marmabhyangam), tale operazione, parte della pratica Reiki, sarebbe impossibile in presenza di indumenti, anche intimi.

Come già detto, le modalità dettagliate con cui potrà svolgersi la seduta dipenderanno dall'orientamento, dalle conoscenze e dal modo di lavorare dell'operatore Reiki, che in caso di timori andrà consultato. Reiki, infatti, se praticato con competenza e dedizione, è una straordinaria tecnica dalle potenzialità immense: può operare (entro certi limiti) a grandi distanze, così come con la precisione e tutti gli accorgimenti di un trattamento manipolativo quale ad esempio un massaggio giapponese, cinese od ayurvedico.   Informazioni sul trattamento massaggio reiki corpo nudo corpo vestito

In questa Scuola, ragioni di serietà e di rispetto della tradizione pongono la regola che la persona interessata a ricevere un trattamento, si presenti con la disponibilità ad "aprirsi" anche offrendosi di ricevere un trattamento a contatto e senza indumenti, quale segno di rispetto per la disciplina in sé e per l'operatore, al quale deve poter essere consentito di fare un trattamento serio ed efficace con l'uso di tutte le tecniche a disposizione.

Reiki e rieducazione alla relazione

La seduta Reiki è sempre stata, e tuttora è libera da dogmi e formalismi invalicabili, e può svolgersi con svariate modalità.
Molti operatori in tutto il mondo, ormai, stanno scoprendo la bellezza, il senso di libertà e, talvolta, il notevole apporto energetico di una sessione reiki svolta in totale nudità; le persone naturiste sono state le prime in questa esplorazione, seguite da altre, le quali (conoscendo elementi di cultura tantrica) hanno riconosciuto la natura sensuale dell'energia vitale e la necessità che una seduta di Reiki (che mira a farla scorrere) possa esaltare anche lo scorrimento del Ki in tale modalità, laddove l'accordo di terapeuta e ricevente e le reciproche condizioni lo consentano.
Ma vi è di più.
 

 
 

E' connaturata all'essere umano di ogni epoca e zona del mondo l'esigenza di fluire in armonia con gli altri esseri viventi, e in particolare, di dare e ricevere amore in uno scambio equilibrato.
Mai come in quest'epoca questo scambio amorevole è divenuto difficile, rendendo la persona (anche la più sociale in apparenza) isolata, o coinvolta in scambi e relazioni non autentici, che la fanno sentire, interiormente, sola.
Nell'indagare le cause di tutto questo, è facile riscontrare elementi sociali (indebolimento delle relazioni familiari; sessualizzazione esasperata di ogni rapporto; diffusione di modelli trasmessi dai mass media che diventano oggetto di una vera e propria aspettativa per chiunque; relativismo culturale e perdita di ogni riferimento etico) ed elementi interni al singolo (infanzia difficile, traumi subiti e talvolta rimossi, delusioni, predisposizioni caratteriali che possono condurre all'isolamento).
E' solitamente la pelle il primo organo a risentirne ed a mostrare una difficoltà del singolo nel rapporto con ciò che è "esterno": eritemi, pigmentazioni, psoriasi ed altre eruzioni cutanee, ma anche soltanto un'eccessiva lubrificazione o secchezza sono segni di una fatica (e quindi di una distorsione o interruzione) di una comunicazione con l'ambiente, che andrà poi a somatizzarsi in altri apparati ed organi del corpo, ed ancor prima in "macchie" di energia devitalizzata, impura e congestionata nei corpi sottili.
Tra gli strumenti più idonei a fornire un aiuto in questi casi, al fine di riaprire la comunicazione e conseguentemente il flusso energetico in entrata e in uscita, sicuramente rientra Reiki.
Ove, infatti, un trattamento corporeo di benessere venga praticato di persona con applicazione del contatto fisico (con preferenza per un un contatto sulla pelle), la seduta realizza implicitamente una rieducazione al contatto ed alla comunicazione interpersonale, andando ad inviare forti ed importanti messaggi all'inconscio del ricevente.
E' comunque cosa nota che - per il piano etico esistente sulla Terra, inevitabilmente legato a tutta una serie di abitudini ed usi sociali - vi saranno contesti in cui un siffatto trattamento (comprensivo di contatto sulla pelle e di manualità) potrebbe risultare inopportuno o imbarazzante per chi riceve ma anche per chi dà. Pertanto, in siffatte situazioni, la seduta potrà essere improntata alla massima sobrietà e sintonizzata su amore e tenerezza pur con un'altra forma di contatto, ad esempio tattile ma con interposizione di indumenti (si pensi al trattamento in ospedale di una persona anziana bisognosa di affetto e sostegno; o ancora, a trattamenti eseguiti tra genitori e figli). In tal caso, in piena aderenza ai canoni etici e sociali, il trattamento potrà svolgersi con il ricevente vestito (purché evitando strati inutili, metalli ed altre barriere) e finanche senza un diretto contatto con zone del corpo che potrebbe risultare, di fatto, imbarazzante.
Dietro ogni persona si nasconde un abisso di Infinito in cui alberga la divinità; per questo, la seduta Reiki - che è anzitutto una fusione di consapevolezze, un sentirsi uniti nel Tutto e in questo Tutto partecipare dell'unica Luce ed Energia Vitale risanatrice - ogni approccio ed ogni differente modalità di eseguire la seduta è una diversa porta per un'esperienza mistica altrettanto unica. Questo il modo in cui ogni seduta dovrebbe essere sentita e vissuta, sia da parte dell'operatore, che da parte di chi riceve.

Potrebbero interessarti anche:


 

 
 

Novembre e dicembre 2017 a MILANO
Il nostro corso base di Reiki Usui
€ 130,00

 

 

____________

Vuoi frequentare un mio corso Reiki a Milano?

Vai al calendario:

_____________

trattamento Reiki seduta e massaggio Reiki

Esistono controindicazioni?            MASSAGGIO REIKI  -  TRATTAMENTO REIKI

Non ci sono controindicazioni né effetti collaterali nell'uso di Reiki durante un trattamento, ma soltanto alcuni casi particolari in cui occorre fare un po' più di attenzione, e che dovranno previamente essere conosciuti dall'operatore. Principalmente, trattasi di persone che soffrano di cuore (o che portino un peacemaker), persone che soffrano di diabete, oppure che siano costrette (anche per brevi periodi) ad assumere sonniferi o antidolorifici in forti dosi.

Anche in questi casi Reiki potrà fare del suo meglio, se il ricevente saprà aprirsi ad accoglierlo con fiducia e dare ad esso i giusti tempi al fine di lasciarlo operare.

I miei strumenti di divulgazione

Di questi tempi, ogni persona, quantunque possa ritenersi pura e nobile negli intenti, non può essere di grande aiuto verso gli altri allorché nessuno sappia della sua esistenza.

Conoscere, farsi conoscere, comunicare all'esterno le proprie proposte, è pertanto qualcosa di indispensabile.

Questa pagina rappresenta la mia scuola:

 

Questa pagina è il mio profilo pubblico:

 

Ove tu abbia apprezzato i contenuti di questa pagina, ti rivolgo l'invito a seguirne almeno una. Apponendo un "mi piace", mi aiuti a sostenerla e resti contemporaneamente aggiornato/a su eventi e proposte.



Dorje Shiayvam Atothas

(Dott. Alessandro Segalini)

Grand Master Reiki  (18° liv.)

Master Reiki Usui

Master Komyo Reiki

Master Ayurveda Reiki

Master Kundalini Reiki

Master Chakra Tantra Reiki

Master Vajra Tummo Reiki

Master Vajra gTumo

Master Violet Flame Reiki

Master Karuna Reiki ®  1° - 2°

 

Fondatore del metodo Amethyst Yoga

 

 

Registrato come Master Karuna Reiki ® presso International Center for Reiki Training (USA)  -  n. ITM-09-179

 

Insegnante associato alla  Komyo Reiki Kai Italia

 

 

Inserito nell'elenco mondiale della pagina Teachers (presence in the world) della World Yoga and Ayurveda community - http://www.worldyogayurveda.net

 

Insegnante affiliato alla European Yoga Federation

www.europeanyogafederation.net

Facebook:

Amethyst Yoga Page - Clicca qui

Alessandro Segalini - Clicca qui

_________________

Youtube:

Amethyst Yoga Channel

_________________

E-mail: reikimilano@alice.it

MASSAGGIO REIKI  -  TRATTAMENTO REIKI

MILANO

Puoi provare e conoscere Reiki ricevendo un trattamento.

 
 

Ti trovi nelle vicinanze di Milano?

Puoi contattarmi al numero che fornirò via email oppure all'indirizzo e-mail: reikimilano@alice.it

Per chi sia lontano da Milano, è possibile concordare uno o più trattamenti a distanza.

Si consideri comunque che l'effettuazione di trattamenti non è la finalità che questo sito si propone e che pertanto può accadere che ragioni di tempo, specialmente in alcuni periodi dell'anno, possano impedire o comunque dilatare di giorni o settimane il momento in cui poter ricevere il trattamento.

Il costo dei trattamenti

Si consiglia di leggere, in argomento, la pagina Reiki e Denaro (cliccare su questo link che aprirà la pagina in una nuova finestra).

assaggio

Monetizzare un'esperienza energetica come un trattamento Reiki è difficile e forse impossibile. Con un trattamento Reiki, nulla si può promettere, ma tutto può giungere, anche ciò che il ricevente non si aspetta e non immagina, o di cui non si accorgerà. Per quanto mi riguarda, essendo obbligato a farlo, ritengo di attribuire ad un trattamento Reiki, da me impartito, un valore di trenta euro se il trattamento è di tipo standard (45 minuti circa) e di quaranta euro se si tratti di ogni altro tipo di seduta (un trattamento Reiki più lungo, personalizzato per esigenze particolari - ad esempio focalizzato sulla purificazione delle energie e dell'aura - oppure dato in combinazione con manovre di massaggio energetico).

MASSAGGIO REIKI  -  TRATTAMENTO REIKI

______________________

INFORMATIVA - Il sottoscritto Reiki Master indipendente, con riferimento ai trattamenti che potranno essere eseguiti, dichiara di operare adottando sia le tradizionali procedure di trattamento Reiki, sia tipologie particolari, antiche e moderne. Dichiara che lo stesso, durante un Trattamento Reiki, oppure durante un seminario / corso di Reiki, non effettua diagnosi mediche o psicologiche, non prescrive né vende né consiglia in alcun modo la somministrazione di farmaci, creme, unguenti o qualunque altro medicamento, e non prevede che la persona sottoposta a trattamento venga costretta ad alcunché.

Lo stesso informa, già in questa sede, e dichiara, che chi riceve un trattamento di Reiki o partecipa a un seminario/corso di Reiki viene informato che il metodo Reiki, così come praticato e tramandato da questa Scuola in aderenza alla Tradizione orientale (che vede Reiki legato ad agopuntura, digitopressione e massaggio tantrico ed ayurvedico) consiste in una imposizione delle mani a contatto con il corpo del ricevente; che si ritiene condizione ottimale trattare direttamente la pelle in ogni zona del corpo da trattare, specialmente ove se ne ravvisi la necessità, dal momento che qualsiasi distanza o interposizione costituisce barriera all'energia erogata; che, sebbene per prassi sia lasciata al ricevente la libertà di scegliere (nei limiti di efficacia indicati), come sottoporsi al trattamento, l'operatore, in casi specifici dallo stesso rilevati, potrebbe richiedere al ricevente di spogliarsi (ad eccezione della zona pubica) o comunque di ricevere l'imposizione delle mani a diretto contatto con la zona toracica e, per la donna, del seno; che il trattamento potrebbe - ove ne risultasse la necessità - prevedere le tradizionali tecniche giapponesi di sfregamento, picchiettamento od agopressione con il dito e che ogni zona del corpo, anche in modo indiretto e non voluto, può esserne in qualche modo coinvolta o sfiorata.

Il ricevente è altresì informato che in ogni momento del trattamento o del corso, ove si ritenga invitato a fare o a ricevere qualsiasi cosa che possa disturbarlo, ha il dovere di avvertire l'operatore ed è in piena facoltà di interrompere l'attività. Reiki è una via di libertà e di individuazione all’insegna della sobrietà e del rispetto di ogni essere umano. MILANO

Questo sito e questo insegnante non divulgano soltanto il Reiki. Qui puoi scoprire il percorso dedicato al Tantra, sempre a Milano, dal livello base ai livelli avanzati.

Sito web: www.tantramilano.altervista.org

 

 

Il maestro Dorje Shiayvam Atothas introduce al complesso e vasto tema del Tantra

 

Trattamenti a distanza     Massaggio Reiki   -  Trattamenti Reiki

Trattamento Reiki esaminato da ogni punto di vista: il trattamento o massaggio Reiki in teoria e in pratica

trattamento

Home Cos'è Reiki Storia del Reiki Trattamenti Corsi Reiki Ayurveda Reiki Corsi a distanza Amethyst Yoga Meditazione Tutti i corsi Letture consigliate Articoli Pratica Reiki FAQ - Domande L'insegnante Privacy Contatti