Reiki Milano

Traditional and contemporary teachings

with Dr. Alessandro Segalini

(Dorje Shiayvam Atothas)

Amethyst Dharma Center

Milano (Italy)

REIKI

CORSI

TRATTAMENTI

LETTURE

Reiki - cos'è  Il Reiki Reiki

 Cos'è Reiki? Cosa è Reiki

Reiki è una disciplina di origine giapponese, fondata Mikao Usui agli inizi del '900, che consiste nell'utilizzo dell'energia vitale universale (il ki) a beneficio di se stessi o di altre persone, animali, vegetali, cose.

Cos'è il Reiki?

Spesso si parla di Reiki come di una tecnica di guarigione energetica o naturale.

Altre volte, si dice che Reiki è anzitutto un percorso di crescita personale.

In realtà, Reiki è entrambe queste cose e qualcosa di più.

Rispondere alla domanda "Cos'è Reiki" non è semplice, ma possiamo definire Reiki come una antica disciplina di origine orientale avente come obiettivo l'armonizzazione del corpo, del cuore e della mente con la realtà universale.

Volendo comunque essere più precisi al fine di illustrare e spiegare il concetto "Reiki", se da un lato con il termine Reiki ci si riferisce all'energia vitale universale (Rei: Sorgente-Assoluto-Dio;   Ki: energia vitale), d'altro lato questo termine indica altresì la pratica e l'esperienza della trasmissione dell'Energia universale che permea tutto il creato.

Cosa è Reiki cosa è di cosa si tratta, cos'è informazioni cos'è

La tecnica Reiki consiste, in generale, in una delicata imposizione delle mani sul corpo della persona ricevente (alla quale può affiancarsi qualche manovra di manipolazione mirata, propria della tradizione giapponese Reiki delle origini, a sua volta derivante dalle tecniche Shiatsu e Tuina) ove ne emerga la necessità al fine di sbloccare il flusso dell'energia o allentare una contrattura muscolare (per approfondire si veda la pagina Trattamenti - si aprirà in nuova finestra).
Il secondo livello contempla, poi, metodiche atte a trasmettere l'energia anche a persone, animali, oggetti e addirittura situazioni, senza la necessità della contemporanea presenza di ciò che si vuole trattare.

Cosa è Reiki cosa è di cosa si tratta, cos'è informazioni cos'è

I mutamenti, o meglio, i benefici arrecati dall'Energia attraverso la pratica Reiki avvengono non soltanto nel corpo fisico, ma su tutti i livelli (emozionale, mentale, spirituale) di cui è composto l'essere umano secondo la cosiddetta prospettiva olistica.

Non si deve d'altronde dimenticare che Reiki è una tecnica sorta in un contesto buddhista. Questo aspetto non può essere dimenticato, perché la prospettiva buddhista, quantomeno nella sua essenza (perseguimento di uno stato di illuminazione dell'essere, slegato da ogni possibilità di provare dolore), ne permea tutto l'originario insegnamento e ne fornisce il senso.

I tentativi della signora Hawayo Takata, della nipote Phyllis Lei Furumoto e dei loro allievi di "laicizzare" Reiki (in questo, anche impoverendolo degli aspetti più "contemplativi" e meditativi), per quanto probabilmente dettati da buoni intenti, non hanno sortito gli effetti sperati, dal momento che in alcuni casi, sono stati gli stessi insegnanti di Reiki statunitensi ed europei a restituire a questa disciplina la parte di insegnamenti spirituali di cui era stata impoverita; e laddove ciò non è avvenuto, l'insegnamento "laicizzato" del Reiki ha portato molte persone a considerarlo unicamente un metodo di guarigione naturale del corpo, per poi cadere nella delusione dopo aver riscontrato che in molti casi, Reiki così inteso e praticato, non produceva le guarigioni fisiche sperate.

Per questo motivo, è molto importante che un serio insegnamento, oltre al lato pratico, non trascuri la parte più strettamente spirituale. Senza necessità di ancorare Reiki al buddhismo, bensì tenendolo aperto - come deve essere - ad ogni persona a prescindere dal credo adottato, si dovrà partire dai "Cinque principi del Reiki" e svilupparli, facendo fiorire dalla loro esposizione tutto quanto è necessario sapere e comprendere per praticare Reiki in modo appropriato e ricavarne i benefici che un uso appropriato di Reiki può dare.

 
 

Guarigione fisica, emozionale, mentale.

Cosa è Reiki cosa è di cosa si tratta, cos'è informazioni cos'è

Nella nostra disamina di cosa è il Reiki, veniamo ai benefici. Tra gli effetti benefici apportati, ben vi può essere la guarigione da una malattia (si racconta addirittura che Hawayo Takata sia guarita da un tumore sottoponendosi ad un periodo continuativo di trattamenti reiki), ma attenzione: la guarigione da una malattia potrà avvenire unicamente laddove se ne comprendano le ragioni profonde (ragioni che affondano le loro radici nelle parti "non corporee" della persona: emozioni e mente, conscia ed inconscia) e si provveda quindi, anche attraverso un serio ed onesto lavoro psico-spirituale su se stessi, alla risoluzione di tali profonde implicazioni.

Solitamente, non vi è più il tempo di svolgere un tale lavoro quando una patologia è ormai in una fase avanzata. Inoltre, in tali casi, sono le condizioni emozionali della persona (in cui si accendono le paure) ad impedire la necessaria lucidità per poter avviare un siffatto lavoro. Ogni caso, comunque, è da considerare singolarmente.

In ogni caso, una malattia o un disagio può addirittura costituire una benedizione per la persona che ne è affetta, fornendo alla stessa un'occasione per riflettere, meditare, stare a contatto con un certo tipo di problema e con tutto ciò che (in campo mentale ed emozionale) ne deriva.

Non si evolve ottenendo sempre ciò che si desidera o vivendo vicende felici; si evolve affrontando eventi difficili, nel momento in cui si decide di chiedersi "perchè" e si inizia ad esercitare la consapevolezza.

E' per questo che molte volte la salute psicofisica non è nella condizione ottimale e non guarisce facilmente come il nostro desiderio vorrebbe.

Come sarebbe possibile, d'altra parte, ottenere una guarigione desiderata, sperata, e molto spesso - da parte di chi si affida al Reiki - oggetto di una vera e propria aspettativa, quando un insegnamento cardine del Buddhismo, da cui Reiki sorge (e di ogni altro serio percorso ascetico) è proprio quello di non avere mai aspettative?

Evidentemente, ogni persona che si trova in tale livello di consapevolezza, non ha dentro di sé i presupposti perché possa avviarsi un processo di guarigione.

Molto spesso, si è nelle condizioni di ottenere ciò che si è desiderato proprio quando ormai il desiderio si è spento, perché la persona è riuscita ad accettare la propria condizione (fosse anche quella di una malattia incurabile).

L'accettazione, uno stato di centramento e di saggezza che porti ad un distacco da ogni cosa e concetto di quest'esistenza, sono la chiave sia per l'illuminazione, che per una condizione dalla quale - a quel punto, sì - tutto diventa possibile.

Non è facile. Ma piuttosto che promettere guarigioni laddove non ve ne possano essere, sarebbe molto meglio che un operatore reiki (e a maggior ragione un insegnante) provasse a fornire indicazioni in questo senso, che sarebbero senz'altro utili per l'evoluzione della persona, in ogni caso.

Per questo, dal punto di vista più alto di chi conosce le leggi evolutive e spirituali, una risoluzione delle cause profonde di un disturbo (laddove sia possibile, ovviamente) sarà requisito indispensabile affinché la guarigione del lato fisico si manifesti. Ed infatti, quando ciò avviene, una volta risolti i problemi a livello mentale ed emozionale, e una volta avvenuta la riconciliazione con se stessi, l'energia si aggiusta sul corpo mentale e sul corpo astrale, e di riflesso, dopo poco tempo, avviene la guarigione anche nel corpo eterico e nel corpo fisico (certo, purché già la malattia non abbia raggiunto un "punto di non ritorno", una soglia oltre la quale - si pensi ad un tumore maligno ormai in fase avanzata - non è più possibile fermare il processo autodistruttivo in corso).

Inviare unicamente prana attraverso le mani e sperare di ottenere in tal modo la guarigione sempre e comunque, è atteggiamento che non appartiene alla pratica Reiki.

Qualche pranoterapeuta vi riesce, ed anche qualche operatore Reiki potrà riuscirvi. Trattasi tuttavia di un modo di utilizzare l'energia che presuppone un "talento", una particolare dote dello stesso operatore che risulta essere in un determinato assetto energetico.

Ma anche chi è riuscito ad effettuare simili guarigioni, ha spesso confessato che l'effetto non è durato.

Qualora le cause profonde non siano guarite, il conflitto manifestatosi nel disturbo forzosamente guarito attraverso l'uso del prana, si manifesta nuovamente in un disturbo analogo da lì a poco tempo.

Per questo motivo, conoscere le implicazioni spirituali e profonde di ogni processo di guarigione e l'autentica prospettiva in cui Reiki viene insegnato e praticato (come tecnica, percorso e via di guarigione sia fisica che spirituale insieme) è imprescindibile per una sua appropriata e benefica fruizione.

cos'è
cosa è

L’azione del Reiki non si limita al piano fisico, ma pervade tutte le sfere di cui l'essere è composto, ovvero corpo fisico, corpo eterico, emozioni, mente, e spirito. Cosa è.
Anche in ambito scientifico, recenti ricerche si stanno muovendo nella direzione già indicata da antichissime teorie, secondo le quali una malattia o un indebolimento organico sono pur sempre solo l’espressione fisica di un ordine basilare che non funziona più correttamente. Il corpo, la mente e lo spirito sono un'unica entità, che l'uomo contemporaneo vive considerandoli aspetti separati o - ancor peggio - delle parti in conflitto tra loro. Un sintomo non è altro che una nostra estromissione da questa unità intima, una mancanza di armonia, un "temporale" nei nostri campi energetici che si comunica da strato a strato e trova una somatizzazione nel corpo.
Reiki, agendo contemporaneamente sul corpo, sulla mente e sullo spirito, è da considerarsi a tutti gli effetti un metodo olistico (cioè, che lavora sulla totalità dell'essere) e ci aiuta a ristabilire l'equilibrio originario che è venuto meno. In questo modo Reiki non lavora solamente sul corpo e sul sintomo, ma anche sulle emozioni e sulla mente, e - cosa più importante - ci permette di riprendere contatto e coscienza della nostra parte spirituale. La guarigione del corpo, in realtà, non è altro che un effetto collaterale della nostra Guarigione Spirituale. Questo, del resto, è stato l'insegnamento del Cristo, del Buddha e di tutti i grandi Maestri passati sulla Terra.

Quanto al piano fisico (fermo restando quanto precisato sopra), si sono rilevati risultati apprezzabili per un buon numero di disturbi. Quelli di carattere acuto ne ricevono i migliori benefici (ad es.: ustioni, punture d'insetto, traumi), ma anche quelli che si sono cronicizzati ricevono un aiuto non indifferente, quantomeno nell'attenuazione del dolore, nella progressiva riduzione delle infiammazioni, nella rinforzata capacità dell'organismo di mantenersi comunque vitale, e spesso anche nella lenta remissione della malattia.

massaggio reikiIn ogni caso, un trattamento Reiki (o una serie di trattamenti, consigliata per diverse problematiche), come già osservato, apporta considerevoli benefici alla totalità della persona, ristabilendo l'equilibrio su tutti i livelli dell'essere umano (potremmo semplicemente ricordare il lato emozionale, mentale e fisico) e donando - comunque ed in ogni caso - un maggiore benessere, un senso di ritrovata stabilità interiore ed un maggiore senso di sicurezza nell'affrontare le prove della vita.

Per molte persone, pur rappresentando un valido ausilio per la durata di tutta la vita, la sola pratica Reiki non è sufficiente per il ritrovamento di un benessere completo e dovrebbe essere affiancata da un lavoro di autointrospezione svolto con altre modalità.

Se, infatti, si concorda che ogni disagio psicofisico è la risultante di conflitti, carenze od eccessi verificatisi nei livelli sottili della persona (astrale-emozionale e mentale), potrebbe esservi la necessità di andare ad intervenire direttamente su determinati nodi e conflitti non risolti (in gergo: "blocchi") laddove la loro intensità e l'ormai lungo tempo della loro presenza li abbia cronicizzati e fatti diventare parte della persona, la quale molto spesso non si accorge neppure della loro presenza, tutta a livello inconscio.

Può, in tali casi, essere di aiuto la psicoanalisi, oppure una serie di sedute con l'ipnosi regressiva (nelle varie branche che stanno sorgendo), o ancora un qualsiasi serio percorso (anche non riconosciuto dalla scienza medica ufficiale) di introspezione attraverso cui guardarsi dentro. Molti metodi moderni sono il "restyling" di antiche conoscenze (basti pensare, da un lato, al Theta Healing, e dall'altro, al Rebirthing).

Un metodo che può essere di grande aiuto in questo senso, ed in particolare per chi si senta talvolta sopraffatto da tempeste emozionali (paura e rabbia, ad esempio) oppure non riesca a liberarsi da assilli di vario genere che possano portare a ricadere in comportamenti e stati d'animo che si vorrebbero abbandonare, è l'Amethyst Yoga, che è possibile apprendere presso questa Scuola e che consente di lavorare su se stessi andando a sciogliere (allo stesso modo in cui si utilizza un bisturi su se stessi) le strutture che, spesso, comandano la persona senza che la stessa se ne accorga (per ulteriori informazioni si veda la pagina Amethyst Yoga - si aprirà nuova finestra).

Amethyst Yoga e Reiki sono un connubio perfetto: prima la persona esegue la sessione meditativa per trasmutare ciò che può essere rilasciato; poi, al termine, si dona Reiki per rigenerare le energie dei corpi sottili e colmare i "buchi" prodottisi dalle deflagrazioni e dalle combustioni alchemiche dell'Amethyst Yoga con le quali si sono eliminate energie congeste, basse vibrazioni, schemi mentali consci ed inconsci, eventuali entità vaganti o parassiti presenti nella persona, e quant'altro. La luce di Reiki, veicolante l'Amore, è in grado di riempire amorevolmente ogni tipo di vuoto e di riportare la persona, già purificata, in uno stato di nuovo equilibrio e benessere.

Cos'è
Cosa è Reiki

Chi dona il Reiki canalizza (saldamente ancorato al principio Rei) l'energia Ki presente in ogni parte del cosmo, allo stesso modo di un cavo elettrico collegato alla rete. L'operatore è semplicemente un canale.

Sia in chi dà reiki che in chi lo riceve, questa energia scorre attraverso quei canali (fisicamente non visibili) denominati meridiani e studiati dettagliatamente nella pratica dell'agopuntura.

Nell'anno 1985, il ricercatore francese Pierre de Vernejoul, per primo, dimostrò l’esistenza dei Meridiani.

Lo stesso iniettò, in alcuni soggetti, isotopi radioattivi nei punti di agopuntura e ne studiò gli spostamenti mediante una apposita camera a raggi gamma. A seguito dell'iniezione, in 4 - 6 minuti gli isotopi percorsero circa 30 centimetri disegnando tracciati che ripercorrono quelli di cui alle mappe dei Meridiani usate in agopuntura.

Cosa è Reiki, cos'è

 

*******************

Cos'è Reiki  Reiki cos'è         INFORMAZIONI   Reiki cos'è

REIKI: i metodi USUI e KOMYO

Con il termine "Reiki" senza altre diciture è d'uso riferirsi al sistema di insegnamenti e di pratica energetica fondato dal giapponese Mikao Usui, genericamente denominata "Reiki Usui". Cosa è il Reiki, di cosa si tratta, cos'è

Tuttavia, al giorno d'oggi sono fiorite centinaia di tecniche energetiche tutte denominate "Reiki".

Tralasciando quelle che in modo evidente si richiamano a tradizioni o ad energie particolari, è opportuno rilevare che oggi, il cosiddetto "Reiki" fondato da Usui, è oggetto di insegnamento secondo due diversi stili:

1) il "REIKI USUI" (detto semplicemente, spesso, "il Reiki"), ovvero la tecnica che da Mikao Usui è stata tramandata a Chujiro Hayashi e da questo alla Sig.ra Hawayo Takata, subendo ad ogni passaggio alcune modifiche. Il sistema si è diffuso in Occidente (passando attraverso ulteriori adattamenti) ed oggi presenta aspetti che lo legano ad altri sistemi olistici di guarigione e consapevolezza, ricomprendendo (per quanto riguarda l'anatomia energetica) la teoria dei chakras ed altre tecniche di trattamento (spesso introdotte o modificate a discrezione di ogni insegnante), originariamente non previste;

2) il "KOMYO REIKI". E' il sistema che discende dall'altro ramo di insegnamento del Reiki: quello conservatosi in Giappone. E' diffuso oggi dal Rev. Inamoto, monaco buddhista giapponese.

Grazie agli insegnamenti ricevuti dalla signora Yamaguchi (allieva di Hayashi) ed ai costanti contatti con la Usui Reiki Ryoho Gakkai (la scuola fondata dal Maestro Usui), il Rev. Hyakuten Inamoto ha preso a divulgare in tutto il mondo la disciplina Reiki della tradizione giapponese.

Komyo Reiki si articola in quattro livelli (a differenza del metodo Usui in cui, almeno agli inizi, i livelli erano soltanto tre) ed utilizza - a fini operativi - quattro simboli, alcuni dei quali, tuttavia, sono diversi da quelli utilizzati nel metodo "Usui".

Da un punto di vista didattico, oggi Komyo Reiki garantisce l'uniformità del proprio insegnamento attraverso la Komyo Reiki Kai Italia, associazione di portata nazionale con un Albo di insegnanti riconosciuti (nell'ambito della stessa associazione, come avviene in tutte), che è possibile consultare al relativo sito web www.komyoreiki.it e al quale il sottoscritto risulta incluso.
Chiara Grandi, prima allieva italiana del Rev. Inamoto, ha frequentato la scuola di Kyoto nel 2004, divenendo la prima insegnante italiana, ed ha fondato la Komyo Reiki Kai Italia nel 2005.

In questa Scuola è possibile ricevere l'insegnamento di entrambi i sistemi: Usui e Komyo. Ogni livello conseguito nel Komyo Reiki sarà certificato con attestato riportante il logo della Komyo Reiki Kai Italia. Cosa è il Reiki, di cosa si tratta, cos'è

Si rileva che, da un punto di vista operativo, i due sistemi (Usui e Komyo) non mostrano così tante differenze. L'Usui risulta più innovativo (e talvolta, presso alcuni insegnanti, forse un po' troppo occidentalizzato e semplificato); il Komyo più impostato alla conservazione della tradizione, alla pratica della meditazione e ad un cammino di ricerca della consapevolezza. Cosa è il Reiki, di cosa si tratta, cos'è

Cosa è Reiki cosa è di cosa si tratta, cos'è informazioni cos'è

Esistono, comunque, numerosi altri stili che si richiamano alla tradizione giapponese. Potremmo citare, ad esempio, il metodo Usui Teate Reiki ed il Gendai Reiki, sui quali non ci dilunghiamo per evitare di tediare e che potranno essere oggetto di approfondimento per ogni interessato attraverso il cospicuo materiale a disposizione. Cosa è il Reiki, di cosa si tratta, cos'è

 

 

(il video si aprirà direttamente su Youtube in una nuova finestra)

Cos'è Reiki        INFORMAZIONI   Reiki cos'è

Cos'è Reiki     Reiki cos'è

E' possibile dare Reiki a:

- se stessi

- un'altra persona (a contatto o a distanza)

- un alimento (ad es. un frutto al quale siamo allergici)

- una intera situazione (ad es. il proprio ambiente di lavoro), anche a distanza

- il proprio o l'altrui passato (curando a livello mentale eventuali traumi rimasti)

- il proprio o l'altrui futuro

- il proprio o l'altrui karma

A richiesta di ogni interessato, potrà essere inviata una raccolta (aggiornata a gennaio 2011) riportante svariati esiti relativi all'impiego del Reiki in ospedali ed altre strutture sanitarie in Italia e nel Mondo. In ogni caso, analoghi contenuti possono essere ricavati con una ricerca autonoma attraverso il web.

Reiki cos'è Cos'è cosa è

Cos'è Reiki    Cosa è il Reiki   Cos'è  Cosa è cosa di cosa si tratta informazioni cos'è cosa è cosa

La pratica del Reiki si suddivide in livelli.

Il PRIMO LIVELLO (Shoden) consente di donare energia a se stessi, e quindi tutti e a tutto attraverso il contatto: l'operatore impone o appoggia le proprie mani (con possibilità, praticando alcuni stili, di aggiungere specifiche manovre di manipolazione sul corpo, che comunque non rendono la seduta Reiki un vero e proprio massaggio dal quale Reiki resta distinto). Si consegue attraverso quattro attivazioni (o armonizzazioni o iniziazioni) effettuate dall'insegnante, attraverso le quali l'energia apre i canali dell'allievo, collegandolo all'energia universale presente ovunque e conferendogli la capacità di canalizzarla.
E' il livello della fisicità, della riscoperta della corporeità propria ed altrui, attraverso il contatto fisico tra la persona che si atteggia a canale Reiki e la persona che riceve.

Il SECONDO LIVELLO (Okuden) comporta una maggiore capacità di canalizzazione dell'energia, nonché la possibilità di inviare la stessa a distanza, oltre i confini dello spazio e del tempo, a beneficio di persone o cose lontane, situazioni presenti, passate o future. Si consegue attraverso una ulteriore formazione nella quale l'allievo riceve un'ulteriore seduta di armonizzazione. Ogni insegnante che abbia conseguito una certa esperienza richiede che, per frequentare il relativo seminario, l'allievo abbia maturato una certa esperienza con il primo livello. E' solitamente richiesto un colloquio preliminare con l'insegnante, specialmente nel caso in cui il livello precedente sia stato conseguito altrove.

Il TERZO LIVELLO (Shinpiden - oggi da molte scuole ripartito in due sotto-livelli, ovvero senza e con la capacità di insegnare e trasmettere le attivazioni) è il livello dell'insegnante. Comporta un ulteriore aumento della capacità di canalizzare, nonché l'apprendimento delle tecniche atte a dare l'attivazione / iniziazione ad altre persone.

Trattasi di una tappa nella vita, che dovrebbe affiancare alla certificazione del completamento del percorso un reale salto evolutivo e vibrazionale nell'allievo divenuto master. Per questo motivo (come ed ancor più del secondo livello), il percorso che porta al livello Shinpiden è un evento che si realizza su accordo, che comporta il necessario assenso dell'insegnante, assolutamente discrezionale.

Per ulteriori riflessioni sul diventare Reiki Master, è possibile leggere l'articolo e visionare il video alla pagina Diventare Reiki Master (si aprirà pagina in altra finestra).

Reiki cos'è Cos'è cosa è

Cos'è Reiki    Cosa è il Reiki   Cos'è  Cosa è cosa di cosa si tratta informazioni cos'è cosa è cosa

 

Video: I cinque principi del Reiki

Parla il maestro Dorje Shiayvam Atothas

 

Cos'è Reiki     Reiki cos'è

Cosa è

Cos'è

Dorje Shiayvam Atothas

(Dott. Alessandro Segalini)

Grand Master Reiki  (18° liv.)

Master Reiki Usui

Master Komyo Reiki

Master Ayurveda Reiki

Master Kundalini Reiki

Master Chakra Tantra Reiki

Master Vajra Tummo Reiki

Master Vajra gTumo

Master Violet Flame Reiki

Master Karuna Reiki ®  1° - 2°

 

Fondatore del metodo Amethyst Yoga

 

 

Registrato come Master Karuna Reiki ® presso International Center for Reiki Training (USA)  -  n. ITM-09-179

 

Insegnante associato alla  Komyo Reiki Kai Italia

 

 

Inserito nell'elenco mondiale della pagina Teachers (presence in the world) della World Yoga and Ayurveda community - http://www.worldyogayurveda.net

 

Insegnante affiliato alla European Yoga Federation

www.europeanyogafederation.net

Facebook:

Amethyst Yoga Page - Clicca qui

Alessandro Segalini - Clicca qui

_________________

Youtube:

Amethyst Yoga Channel

_________________

E-mail: reikimilano@alice.it

MASSAGGIO REIKI  -  TRATTAMENTO REIKI

MILANO

Cos'è Reiki
Cosa è, che cos'è

Trattamenti a distanza     Massaggio Reiki   -  Trattamenti Reiki

Trattamento Reiki esaminato da ogni punto di vista: il trattamento o massaggio Reiki in teoria e in pratica

trattamento

Home Cos'è Reiki Storia del Reiki Trattamenti Corsi Reiki Ayurveda Reiki Corsi a distanza Amethyst Yoga Meditazione Tutti i corsi Letture consigliate Articoli Pratica Reiki FAQ - Domande L'insegnante Privacy Contatti

Cos'è il Reiki - Cosa è Cos'è

Cos'è  Cosa è