Home
Cos'è Reiki
Storia del Reiki
Trattamenti
Corsi Reiki
Ayurveda Reiki
Corsi a distanza
Amethyst Yoga
Meditazione
Tutti i corsi
Letture consigliate
Articoli
Pratica Reiki
Links
FAQ - Domande
L'insegnante
Privacy
Contatti

 

Kundalini Reiki

livelli: 3 (altri 6 livelli sono opzionali)

simboli: non utilizzati

 

Prerequisito (richiesto da questa scuola): secondo livello Reiki (metodo Usui o Komyo)

Kundalini-Reiki è un metodo ideato (o forse - più correttamente - soltanto riscoperto) dal danese Ole Gabrielsen, maestro di meditazione e terapeuta energetico,  che (a quanto si dice) avrebbe avuto l'opportunità di trascorrere ore di comunione spirituale con il Maestro Asceso Kuthumi.

Trattasi di una tecnica energetica molto semplice che facilita la guarigione e lo sviluppo personale, associando al tocco gentile del Reiki l'energia più potente Kundalini.

E' necessario procedere ad approfondimenti.

Cos'è la Kundalini?

Nella cultura delle religioni asiatiche è frequente trovare riferimenti ad una "forza" denominata "Kundalini".

Nella letteratura classica dell'hatha yoga, la kundalini è descritta come un serpente addormentato e arrotolato alla base della spina dorsale, che, qualora intendesse risvegliarsi, risalirebbe, srotolandosi, lungo il percorso dei chakra principali per raggiungere la testa e, quindi, il chakra della corona.

Nella maggior parte delle persone la Kundalini resterebbe sopita alla base della spina dorsale e non darebbe segni di risveglio per tutta la durata della vita.

Restando al piano delle percezioni, l'aumento di intensità della kundalini è frequentemente collegato con la sensazione di un'energia "liquida", "magnetica", "calda", che sarebbe possibile avvertire lungo la spina dorsale.

In altri casi è stata percepita sottoforma di forti vibrazioni nel corpo.

Non tutte le persone sono in grado di percepirla, in quanto - come in tutte le discipline energetiche (ad es. il Reiki) - la percezione dipende in massima parte dalla sensibilità individuale.

Questa considerazione porta già ad un'importante osservazione: il fatto di non percepire in se stessi dei sintomi normalmente associati a Kundalini, non è indice rivelatore della condizione di inattività di Kundalini in quella persona.

Kundalini potrebbe essere già attiva, per quanto la persona non se ne accorga.

Tuttavia, è necessario approfondire l'argomento.

Si afferma che risvegliando Kundalini e lavorando con essa, si favorisce il contatto con la madre terra. Nel lavoro con Kundalini, l’energia scorre all’inverso, cioè sale dal primo verso il settimo chakra, seguendo il senso di movimento da terra a cielo.

Si parla, talvolta, anche di "fuoco Kundalini".

Personalmente, posso affermare che durante l'attivazione al secondo livello Kundalini Reiki, pur non avendo il dono di percepire intensamente le energie, ho avvertito una sorta di formicolio pungente, che dal coccige è salito in alto, provocandomi qualche fastidio al collo (sul momento) e alla testa (per alcuni giorni).

Un'esperienza molto più forte (in cui ho potuto avvertire una scarica di energia calda esplodere dal primo chakra e salire lungo il canale centrale fino alla testa) mi sarebbe accaduta qualche anno dopo, con modalità totalmente estranee a ciò che è definito "normalità". In tale occasione appresi che Kundalini non può essere scissa dall'energia sessuale.

Alcune persone conosciute direttamente (tra le quali alcuni miei allievi) hanno affermato di avvertire, in alcuni momenti della vita quotidiana o durante le mie iniziazioni, una sensazione di "solletico" che dal coccige salirebbe fino all'altezza dello stomaco o del cuore (talvolta raggiungerebbe la testa, ed in tal caso causerebbe un senso di stordimento). Proprio questa sensazione di "solletico" alla quale molte persone non riescono a dare una spiegazione, altro non è che l'energia della Kundalini.

In ogni caso, i sintomi fisici collegati all'apertura della Kundalini possono includere rumori simili ad uno scricchiolio alla base del collo ed emicranie non spiegate.

E' bene, comunque, fare attenzione ad attribuire questi sintomi ad un risveglio di kundalini. Spesso, infatti, l'origine è scientificamente spiegabile ed il sintomo necessiterebbe di essere sottoposto all'attenzione di un medico.

Il risveglio dell'Energia Kundalini è per tradizione stato coltivato dalla pratica dello yoga.

In tale pratica, si è riscontrato che l'energia misteriosa risvegliata dallo yoga della kundalini si è talvolta rivelata di una violenza inaudita, tale da porre in pericolo la persona.

A riguardo, non bisogna dimenticare che le persone che giungevano ad apprendere le pratiche con cui tentare il risveglio di Kundalini, erano state indotte a lavorare per mesi o anni sulle energie sottili ed avevano quindi sviluppato una sensibilità interiore decisamente superiore a quella di una persona comune.

Lo può confermare un'esperienza personale che ho avuto in qualità di insegnante, mentre attivavo un allievo al secondo livello Kundalini Reiki: la persona attivata mi disse di aver sentito l'ascesa di Kundalini come energia calda, ma che il tutto era avvenuto in uno stato di semi - trance, dal momento che già alcuni minuti prima, la stessa si era sentita distaccare dal corpo fisico e spostata in un piano più leggero e sottile. In tale piano, e non in quello fisico in cui risiede l'uomo comune, l'onda era stata percepita.

Queste constatazioni forniscono una nuova interpretazione al carattere di "violenza" dell'esplosione energetica di cui talvolta si racconta nella letteratura yogica: si tratta di eventi che si verificano su un altro piano, differente da quello fisico. L'esplosione avvertita, qualora fosse avvenuta in una persona non addestrata e quindi ben "anestetizzata", forse sarebbe stata percepita unicamente come un piccolo surriscaldamento con un lieve e momentaneo capogiro (che, magari, sarebbe stato attribuito alla stagione calda).

In ogni caso, gli esperti antichi e moderni che si sono occupati del tema insistono sull'importanza - per chi intenda dedicarsi al risveglio di quest'energia - di avvalersi di un maestro appartenente a una linea di trasmissione tradizionale, specializzato nel campo e dotato di esperienza.

"Non insisteremo mai abbastanza sugli effetti disastrosi provocati dal risveglio della kundalini in assenza di una simile guida o sotto l'egida di un maestro inefficiente e ignorante. Molto spesso i gravi disturbi osservati in certi mistici cristiani e attribuiti a isterismo sono soltanto causati da un'ascesa difettosa della kundalini; basta che essa cambi il suo percorso ed ecco che mali come la paralisi spariscono improvvisamente come sono comparsi, ma per essere sostituiti da altri, ad esempio la cecità. E' comprensibile, quindi, la prudenza dei maestri sivaiti al riguardo e l'oscurità di cui circondano l'insieme di queste pratiche" (L. Silburn, La Kundalini o l'energia del profondo, Adelphi 1997).

Perchè liberare l'energia di Kundalini troppo rapidamente può avere conseguenze forti e rischiose?

Anzitutto perchè, come detto, nel percorso di risalita la kundalini potrebbe trovare delle ostruzioni, dovute a blocchi energetici di varia origine o alla chiusura di chakra.

Poi, perchè il corpo fisico e gli altri corpi sottili (astrale, mentale, ecc.), infatti, potrebbero non essere ancora "pronti" (ovvero potrebbero non avere ancora raggiunto il giusto livello di evoluzione) per poterla sopportare. CIò avviene ogniqualvolta la persona porti memorie di dolore collegate a schemi mentali non rilasciati. Il risalire dell'energia, necessariamente li nutre, li risveglia, li riporta alla consapevolezza in un momento in cui la persona non li ricorda più. Il risultato può essere un attacco di panico o un periodo (più o meno lungo) di instabilità, se non addirittura di follia.

Proprio per questa ragione, non si dovrebbe tentare di accendere questa spinta di energia se non si è in un solido equilibrio psicologico. In particolare, la Kundalini non è adatta per quelle persone affette da depressione maniacale o da disordini di carattere bipolare.

Kundalini Reiki attiva Kundalini in ogni persona (che non se la ritrovi già attivata, in misura maggiore o minore, pur senza essersene accorta) in modo da realizzare in ognuno l'apertura che possa essere sopportata e che sia più adatta al livello di evoluzione e di sviluppo energetico di quella singola persona.

_________________

 

Kundalini è anzitutto un modo di essere. Una condizione. Un assetto.

Più precisamente, Kundalini è una connessione, che avviene allorché nel corpo fisico (e nei corpi sottili) dell'essere umano, le energie ricevute e mosse dal primo chakra si collegano a quelle del settimo, in modo tale che tutto l'essere umano sia intercollegato energeticamente e che tutti i centri di coscienza ed energia (chakra) siano in grado di comunicare tra loro, formando un unico Essere.

A quel punto (che presuppone la completa apertura e liberazione del canale centrale, detto Sushumna), un'energia elaborata dal primo chakra (chakra di base, o Muladhara) tende naturalmente a salire, attraversando gli altri chakra, per giungere al settimo.

Trattasi quindi di prana (ancora meglio, di un certo tipo di prana) condensato nella spina dorsale, che viene ritenuta essere il canale centrale o Sushumna.

Non c'è altro.

Vi è chi vede ogni fenomeno energetico umano in termini di Kundalini (il che pare un'esagerazione, dal momento che essa non è l'unica tipologia di energia presente nell'uomo), così come vi è chi ritiene che l'ascesa di Kundalini sia foriera di immediati doni di carattere paranormale.

In realtà, quando si accende Kundalini, si liberano le energie del chakra Muladhara. Se la coscienza dell'essere umano in questione è in grado di arrestarne la completa manifestazione e somatizzazione nell'organo genitale, tale energia spontaneamente tende a salire verso l'alto (in questo, sarà determinante la piena apertura del sentiero che l'energia andrà a percorrere o, viceversa, l'eventuale presenza di ostruzioni nei canali).

Nessuno può affermare che in una persona kundalini sia completamente inattiva, poiché, così come nessun chakra è completamente chiuso, in ognuno il chakra Muladhara produce ed emette una certa quantità di energia.

Se tale energia potrà esprimersi come Kundalini (percorrendo la Sushumna) dipenderà sia dalla capacità del praticante di non sprecarla, sia da un preventivo lavoro di pulizia del canale Sushumna.

Se così non è, o l'energia del chakra Muladhara viene sprecata somatizzando un orgasmo fisico, oppure essa sale (diventando Kundalini) ma a causa delle ostruzioni prende direzioni distorte.

Sarà a questo punto comprensibile che si può parlare di risvegli "parziali" di Kundalini, che possono essere presenti in una persona da sempre, fin dal momento della nascita, senza bisogno di attivazioni. In tutti, chi più chi meno, vi è Kundalini.

Quel che si può fare nel massimo interesse di ogni persona (che, ricordiamo, è unica) è cercare di aprire la strada al movimento di questa energia, attraverso la purificazione e l'apertura del canale centrale e (possibilmente) di tutti i chakra.

Un tale lavoro, a ben vedere, è un'impresa titanica che può durare un'intera vita.

Quindi, con particolari esercizi (già praticabili durante il lavoro di purificazione), è possibile accendere le energie del primo chakra in modo da potenziarlo ed allargarlo e far sì che al giusto momento (oppure in seguito ad uno stimolo impartito con altre pratiche) questa energia possa salire con una forte intensità generando quell'effetto salita che viene chiamato "Kundalini".

Non resuscita i morti colui che sente kundalini salirgli lungo la schiena, e molto spesso non è nemmeno un illuminato, dal momento che subisce ancora forti crisi emozionali.

Tali crisi, unitamente ad una Kundalini particolarmente accesa, possono finanche essere nocive per gli altri e per la stessa persona che le prova.

Varrebbe la pena di chiedersi, quindi, per quale motivo si sia così desiderosi di attivarla.

Resta necessario, in ogni caso, purificare ogni tipo di ostruzione alla sua libera circolazione.

 

Premesse queste nozioni, si può tornare a descrivere il metodo Kundalini Reiki.

Il Kundalini Reiki, così come tramandatoci, è un semplice metodo che mira proprio a stimolare (nelle attivazioni) un risveglio della kundalini. Il risveglio tuttavia avviene in modo più sicuro, in quanto preparato da un'attivazione in cui viene "spianata la strada" alla sua ascesa, attraverso la purificazione dei relativi canali energetici e attraverso l'apertura di tutti i chakra. In tal modo si evita che la sua risalita (che avviene nell'attivazione di secondo livello) possano insorgere problemi e/o la kundalini possa imboccare una via scorretta.

Il principio di funzionamento del Kundalini Reiki può individuarsi nell'intento. Attraverso l'intento l'energia Reiki e l'energia Kundalini si dirigono laddove c'è bisogno, così come è sufficiente l'intento per avviare e portare a compimento le attivazioni.

E' il superamento della ritualità, quella ritualità che in altre forme di Reiki (primariamente il Reiki Usui) si esprime attraverso l'uso dei simboli (da molti ritenuti semplicemente delle "ancore" visive o cinestesiche, ovvero delle tecniche mentali atte a provocare un determinato stato di coscienza, nel caso del Reiki volto a  favorire la sintonizzazione con l'energia e la canalizzazione).

Ed infatti, il Kundalini Reiki è un Reiki senza simboli, con tecniche di trattamento (a contatto o a distanza) molto semplici ed immediate (per quanto con esso possano utilizzarsi in modo fecondo le tecniche di trattamento del Reiki Usui).

Può essere utilizzato nei trattamenti a persone, animali, per risolvere problemi karmici e migliorare situazioni e relazioni. Il metodo Kundalini-Reiki non sostituisce la terapia medica ma favorisce la guarigione.

Le attivazioni al metodo Kundalini-Reiki favoriscono il risveglio della Kundalini in modo gentile, istantaneo e sicuro. Chi ha avuto problemi con l'energia Kundalini potrebbe trovare beneficio utilizzando il metodo Kundalini Reiki. Infatti, le attivazioni (che sono originate ed impartite dal Mondo Spirituale e vengono dall'insegnante Kundalini Reiki soltanto "richiamate") sono predisposte per risvegliare l'energia Kundalini nella misura in cui ogni singola persona, nella propria individualità, è in grado di sopportarla senza particolari problemi.

Per i casi in cui, anche a seguito delle attivazioni, la persona non sia in grado di percepire nulla (dato che di per sé, come detto, non ha alcun senso) e desideri comunque esercitarsi a percepire tale energia e a rinforzarne il flusso, l'addestramento successivo da me offerto e di cui si parlerà infra (comprendente elementi di Tantra e di Kundalini Yoga) potrà essere un valido aiuto per potenziare Kundalini e forse anche per riuscire a percepirla.

Kundalini Reiki, inoltre, la purificazione sui chakra e sui canali energetici facilitata dall'energia Kundalini migliora la capacità  di canalizzare Reiki.

Col metodo Kundalini-Reiki le energie Kundalini e Reiki vengono armonizzate, lavorando in sinergia per promuovere la guarigione e lo sviluppo personale ed espandere la consapevolezza verso più alti livelli.

Kundalini Reiki 1° livello - La prima attivazione Kundalini Reiki apre i canali energetici per consentire la canalizzazione di energia Reiki preparandoli per il risveglio della Kundalini che avverrà  durante la seconda attivazione. Il chakra della Corona e del Cuore vengono aperti e rinvigoriti. Imparerai ad eseguire un trattamento completo di persona e a distanza. Kundalini Reiki 1° livello equivale alle attivazioni Reiki USUI di 1°, 2° e 3° livello.

Kundalini Reiki 2° livello - con quest'attivazione i canali Reiki vengono rinforzati, l'energia Kundalini viene attivata, il canale energetico principale viene aperto in modo sicuro, il "fuoco" della Kundalini raggiunge il chakra del Plesso Solare preparandosi per risalire al massimo livello durante la 3° attivazione. Ti verrà  insegnata una meditazione specifica che aumenterà  per breve tempo la potenza della Kundalini purificando ed energizzando tutti i centri energetici.

Kundalini Reiki 3° livello - Master/Insegnante - Le precedenti attivazioni vengono rinforzate e i chakra della Gola, del Plesso Solare, della Base e il canale Hara vengono aperti. Il "fuoco" della  Kundalini risale fino a raggiungere il massimo e fuoriuscire dal chakra della corona. Imparerai ad attivare cristalli ed altri oggetti così che essi possano diventare dei conduttori di Reiki. Ti verrà  inoltre insegnato a trasmettere ad altri le attivazioni Kundalini Reiki 1-2-3.

Attivazioni extra che riceverai assieme al 3° livello:

  • Balance (Calibratura)
  • Diamond Reiki (Diamante)
  • Crystalline Reiki (Cristallizzazioni)
  • DNA Reiki
  • Birth trauma Reiki (Trauma di nascita)
  • Location Reiki (Luoghi)
  • Past Life Reiki (Vite passate)

______________________________________

 

L'evoluzione del Kundalini Reiki e le scelte del suo autore negli ultimi anni.

Il fondatore, dopo aver lasciato il metodo in mano ai Master che lui stesso aveva attivato, per un certo periodo della sua vita si è "ritirato", rifiutando ogni contatto con chiunque lo cercasse per ricevere personalmente attivazioni o per la richiesta di informazioni. Ciò per la scelta (del tutto legittima) di dedicarsi allo studio del giudaismo.

In seguito (per ragioni che ci sfuggono) lo stesso è tornato ad essere presente sul web, riaprendo un market virtuale e ripresentando i propri metodi, tra cui questo.

Si è così avuto un susseguirsi di "versioni" differenti (ad esempio: 2012, 2013, 2014) ed inoltre le nuove versioni non hanno più fatto menzione dei livelli addizionali, detti "boosters".

Tali livelli sono come stati sostituiti da un unico livello denominato "Source", in grado di potenziare l'apertura dei canali e la capacità di guarigione.

Il tutto, infine, è stato dall'autore proposto sottoforma di attivazioni audio, oggi acquistabili in un'unica raccolta dal suo stesso sito www.olegabrielsen.com

Inutile dire che un tal modo di procedere ha confuso non poco gli operatori che, con serietà e fiducia, si erano affidati al suo metodo ed avevano riscontrato effettivi benefici dalla pratica consapevole e fiduciosa delle semplicissime tecniche proposte.

La scelta di riproporre continue versioni "migliorate" (allo stesso modo di un modello di pc o di un'automobile), se da un lato può spingere i novizi a voler restare sempre aggiornati acquistando l'ultima versione, assicura anche all'autore stesso un "monopolio" nella diffusione del metodo e soprattutto, un controllo sulla possibilità di rivenderlo infinite volte anche a chi già lo abbia ricevuto.

Da parte di tutti è stato necessario adottare una decisione. La decisione adottata dal sottoscritto insegnante è la seguente.

 

Come funziona questo corso.

I livelli sono trasmessi così come ricevuti ante 2010, ovvero come originariamente concepiti e sopra descritti.

Tuttavia, i manuali sono stati integrati con nozioni e suggerimenti inerenti l'energia Kundalini ed il suo possibile utilizzo.

L'attivazione al terzo livello è opportunamente implementata (il sottoscritto è in grado di far ciò, come molti altri Reiki Master, anche in quanto fondatore di metodi propri) in modo tale che chiunque venga a riceverla sia contemporaneamente predisposto ad aprirsi da solo, nel tempo, a tutti i livelli "booster", al livello Source e ad ogni energia, consapevolezza e potenzialità che possa o potrà, in futuro, essere collegata a questo sistema.

Non sarà necessario e non sarà offerto alcun aggiornamento ai suddetti sistemi.

Pertanto, ogni persona che sia già in possesso di un Secondo Livello Reiki (Usui o Komyo) potrà richiedermi le tre attivazioni Kundalini Reiki, a distanza o dal vivo (consiglio sempre, per chi può, di seguire almeno una lezione dal vivo).

Ad ogni livello sarà consegnato / inviato il materiale (un manuale) e l'attestato.

Ma vi è di più.

A seguito di anni di esperienza (nell'insegnamento così come diretta), ritengo che il solo programma Kundalini Reiki sia insufficiente, nella maggior parte delle persone, per accedere a Kundalini in tutte le sue componenti così come viene comunemente intesa.

Per questo, sebbene io resti disponibile ad impartire le attivazioni classiche di primo, secondo e terzo livello Kundalini Reiki, consiglio vivamente di frequentare tali lezioni di persona e di integrarle, al termine, con altre tre - quattro lezioni comprendenti un addestramento addizionale di tipo diverso.

A quel punto - avendo già conseguito l'essenziale liberazione dei canali, attraverso i tre livelli Kundalini Reiki - sarà possibile apprendere le tecniche meditative con cui allenarsi nel tempo a rinforzare tale erogazione di energia, a provocarla in tempi sempre più brevi e a dirigerla verso l'alto, provocandone la graduale trasformazione in energia sempre più sottile durante l'attraversamento di ogni chakra.

Come ogni percorso arduo, occorre essere disposti ad attraversare un'iniziazione, a sfidare se stessi, a mettersi in gioco spogliandosi di schemi e paure.

In ogni caso, ritengo opportuno essere io a decidere le tempistiche delle attivazioni, che potrebbero richiedere anche tre mesi per conseguire il Master.

Si consiglia (pur non essendo indispensabile) aver conseguito il Master in Reiki Usui; o quantomeno un secondo livello Usui, dal momento che il programma, pur se di per se' completo, presuppone che siano già note all'allievo le tecniche per effettuare i trattamenti sia dal vivo che a distanza ed è molto sintetico in merito.

Quanto ai costi: non mi confronto con altre scuole ed altri insegnanti. Seguo il metodo e le tempistiche che mi paiono essere giuste anche in relazione ai miei contatti e ai miei rapporti con il mondo spirituale. Deve essere rispettata sia la dignità di chi riceve che quella di chi manda, il quale - per potersi sentire in armonia con se stesso e con il cosmo e quindi per poter inviare un'attivazione efficace a chi gliela chiede - non deve sentirsi vittima di sfruttamento.

A distanza chiedo solitamente € 40,00 per ogni livello dal primo al terzo (Master)

Con appuntamento individuale il costo è di € 60,00 per ogni livello dal primo al terzo (Master)

Livelli Booster: € 20,00 ognuno (a distanza o dal vivo)

Esercitazioni post-master: € 20,00 per ora di lezione (individuale)

(i compensi non sono fatturabili)

Cliccando, potete accedere ai miei account su:

 

CORSI REIKI (1° / 2° LIVELLO) in MILANO

Durata: 2 giorni (sabato/domenica) -  CLICCA PER  INFORMAZIONI

Corsi Reiki Milano - Trattamenti Reiki Milano - Corsi Reiki Piacenza - Trattamenti Reiki a domicilio - Corsi Reiki a domicilio