REIKI CALENDARIO CORSI TRATTAMENTI LETTURE

Home
Cos'è Reiki
Storia del Reiki
Trattamenti
Corsi Reiki
Ayurveda Reiki
Corsi a distanza
Amethyst Yoga
Meditazione
Tutti i corsi
Letture consigliate
Articoli
Pratica Reiki
FAQ - Domande
L'insegnante
Privacy
Contatti  

Reiki e relazioni affettive.

Utilizzare il Reiki per ottenere l'amore della persona desiderata.

Torniamo al problema dell'esigenza (molto spesso avvertita) di avvicinare una persona dalla quale ci si sente attratti.

L'attrazione e l'amore (in ogni loro connotazione li si intendano, dalla più densa, spontanea e istintuale, alla più elevata e sottile) si accendono in una persona secondo determinate dinamiche.

Trattasi di possibilità / potenzialità dell'anima esistenti allo stato puro, che vengono poi incanalate ed utilizzate dalle nostre strutture mentali in base all'educazione ricevuta ed ai costumi sociali vigenti.

Si può deviare la libido di una persona su un qualsiasi individuo, anche dello stesso sesso, e addirittura si può indirizzare il desiderio soltanto su una parte del corpo della persona (esempio: il feticismo, considerato perversione e tuttavia molto più diffuso di quanto si pensi, quantomeno allo stato latente).

 

L'autore dell'articolo: il Maestro e Custode del Sapere Dorje Shiayvam Atothas (Alessandro Segalini), di Milano.

 

Passando dall'erotismo ai sentimenti più elevati, il discorso non muta: un esempio ne è l'attrazione delle ragazze adolescenti nei confronti di giovani idoli, che dopo pochi mesi vengono sostituiti da altri comparsi più recentemente; anche in tal caso, una potenzialità pura, eterna ed informe (la capacità di "accendersi" e gioire) riceve una forma concreta, per poi perderla ed assumerne un'altra a seconda delle influenze dell'ambiente e delle strutture mentali (se questo è il tuo caso, se sei una persona innamorata del tuo idolo e speri che in qualche modo possa sentirti, potrai leggere anche questo articolo, cliccando qui anche decidendo di aprirlo in una nuova finestra).

Ebbene, con un lungo e difficile lavoro è possibile riportare questa potenzialità alla sua purezza, ed è quindi possibile "resettare" la direzione della libido e degli affetti di una persona (infatuazione, innamoramento, capacità di amare, ecc.).
Cosa significa ciò? Che l'operazione può avere effetti su due versanti.

Anzitutto, in un lavoro su se stessi.
Può accadere di avere trascorso diversi anni, o tutta una stagione della propria vita, nella schiavitù del desiderio morboso per un'altra persona; desiderio che può avere unicamente natura erotica, oppure anche cerebrale ed affettiva. Con una tale persona, un rapporto affettivo potrebbe essersi avviato e poi concluso; oppure, la persona desiderata potrebbe non avere mai corrisposto in alcun modo i desideri ed i sentimenti ad essa esternati e rivolti. E' quindi possibile che la persona stanca di soffrire per amore, decida di intraprendere un lavoro su se stessa al fine di imparare come "dimenticare" e "voltare pagina". Se spesso la risposta che mi si fornisce è un "non ci riesco!", ebbene, utilizzando i giusti approcci, diventa possibile distaccare le proprie energie dall'idea fissa di una persona determinata, riportarle nel proprio Centro e tornare nella possibilità di volgerle in ogni direzione, per nuovi progetti oppure semplicemente per custodirle, conducendo un diverso stile di vita, più evoluto, oltre desideri ed attaccamenti.
L'altro versante su cui questa operazione potrebbe essere effettuata, è il suo svolgerla su un'altra persona. E' il caso di operazioni di persuasione attraverso tecniche ipnotiche e persuasive, oppure di tipo magico, svolte in autonomia, oppure su commissione, per conto di chi, colto da attrazione morboso per una persona, anziché lavorare su di sé, desidera che l'altro sia "manipolato" al punto da restare ammaliato e venire quindi attratto senza opporre resistenze.
In altre parole, questo utilizzo è riassunto dal titolo di questo articolo: attirare un'altra persona con il pensiero.

Proprio questo secondo utilizzo della possibilità di interferire con i programmi libidici e mentali, pone numerosi problemi.
 

Far sì che un individuo cambi il proprio assetto, e in forza di tale assetto modifichi le proprie preferenze di carattere sessuale, arrivando a desiderare individui che prima sarebbero stati considerati aberranti o semplici amici, è possibile. La persona bersagliata può essere colta da passioni febbrili per la persona alla quale si è sempre negata, e quindi concedervisi, a livello soltanto fisico, oppure anche affettivo, con un coinvolgimento più duraturo. E' accaduto, e potrà sempre accadere. Qualche volta, questa operazione "manipolativa" di influenza sull'altro, avviene addirittura inconsapevolmente: un forte desiderio provato da un soggetto, può influire sul "bersaglio" a livello magnetico e telepatico.
 

Tuttavia, a prescindere dalla concreta difficoltà che ciò comporta, è necessario tenere in considerazione diverse implicazioni.

I fattori in gioco, in questo caso,  sono innumerevoli. Tra i principali:

- la necessità (sul piano etico) del rispetto del libero arbitrio e della signoria di ogni individuo, che rischierebbe di venir meno in interventi di questo genere (dal momento che si vuole "forzare" una persona ad amarci o comunque a preferirci ad altri);

- la possibilità di crearsi "debiti karmici" con condotte errate e dannose al nostro prossimo (ad esempio, per aver causato la sofferenza del nostro rivale del quale si vorrebbe prendere il posto e che si vorrebbe necessariamente vedere abbandonato), debiti che sarebbero da scontare in una vita successiva, o anche in questa stessa esistenza (caso sempre più frequente nella nostra epoca);

- il percorso che ogni vita umana è chiamata a seguire, nel quale determinate situazioni negative o di insoddisfazione (anche solitudini e delusioni affettive) rivestono un senso ed un'utilità precisi per la nostra crescita. Il riferimento va al percorso di ognuno, e quindi sia di chi si accinge ad usare l'energia per questi scopi, sia di colui o colei che è l'oggetto del desiderio.

I fattori elencati (che non possono essere esaurientemente trattati in questa sede), dovrebbero persuadere l'operatore a desistere dal porre in opera interventi di questo genere.

Ciò non toglie che vi possano essere situazioni particolari, in cui tra due persone vi sia un legame karmico o comunque una forte affinità, percepita da entrambe, che le porti a sentirsi in qualche modo attratte l'una dall'altra, spesso in modo nostalgico. Ciò potrebbe derivare dall'inconscia memoria di esperienze condivise in vite passate, così come da una "conoscenza" avvenuta nei piani sottili, o ancora - in virtù di questa pregressa conoscenza - dal fatto che i "Sé superiori" delle due persone sono in contatto spirituale, appartengono alla stessa famiglia di anime e si assistono e sostengono a vicenda.

Se è difficile in questo campo avere certezze, è altrettanto facile ascoltare il proprio cuore e le intuizioni che ci dicono che quella persona.... la si conosce già. Se queste intuizioni vi sono da entrambe le parti (o comunque così sembra, perché in un modo o nell'altro si "sente"), possiamo dire di trovarci in presenza di un legame karmico, spesso molto forte.

Se tra due persone così legate scoppia attrazione, ma una delle due è seriamente legata ad altra persona, ecco che si crea una situazione conflittuale, fonte di angoscia per entrambe.

In tali casi, supponendo che il legame tra noi e la persona che ci attrae sia più forte di quello che lega la stessa al suo attuale compagno, si può decidere di tentare un intervento per "sbloccare" la situazione.

In questi casi, l'operatore illumina di energia e luce una persona, la quale viene aiutata a risvegliare dentro sé determinate consapevolezze (tra le quali quella dell'uguaglianza di tutte le creature) ed il desiderio di dare amore. Si cerca di risvegliare la persona e l'amore che porta dentro di sé, senza forzature, cercando di rinforzare i corpi sottili e quindi anche la capacità di libera scelta.

Eseguendo un tale trattamento (ricorrendone i presupposti), l'operatore non intende - per sé o per altri - manipolare in modo utilitaristico una persona in quanto ha riconosciuto (cosa vera) che la stessa sceglie la propria vita affettiva come una sorta di burattino delle proprie passioni, ma, proprio in quanto l'ha riconosciuta tale, intende rafforzarla nella consapevolezza e nella capacità di scelta.

Fatte le debite premesse, veniamo quindi al trattamento più delicato e - forse - più problematico relativo a questo tema.

Chiunque potrà rendersi conto che una pagina pubblica di un sito internet - come questa - non è la sede più adatta per condividere i dettagli di differenti procedure (prevalentemente esterne al Reiki) atte a raggiungere il fine di farsi desiderare da una persona. Troppi sarebbero i rischi che ciò che viene divulgato possa essere messo in uso da anime del tutto disinteressate da un percorso di crescita, totalmente disconnesse da ogni dimensione spirituale, senza timone e quindi possedute da forti desideri di quali si trovano ad essere letteralmente agite.

In quest'epoca, il caos è troppo intenso perché si possa diffondere notizie e nozioni che potrebbero aumentarlo.

Posso essere vittima di un attacco magico a scopo sessuale?

 

Al riguardo, il problema può essere affrontato anche a senso inverso: a molti (e forse anche a qualcuno che legge) può essere accaduto di avvertire strane presenze o strane correnti energetiche, prevalentemente in ora notturna, associate ad una forte carica di erotismo e al pensiero (talvolta con visione del volto) di una persona che normalmente non interessa sotto quell'aspetto ma che potrebbe nutrire determinati interessi.

Se ciò accade, si potrebbe essere sotto attacco, deliberato volontariamente o finanche involontariamente: molto spesso i fluidi emozionali emanati da determinate persone (pur non esperte in esoterismo) hanno una reale efficacia magica su chi ne è ignaro.

A tal riguardo, se la situazione descritta può ricalcare accadimenti che ricordi, o se hai il timore che qualcuno possa intervenire su di te cercando di forzare la tua capacità di scelta, ti consiglio di seguire il mio corso "Autodifesa Magica" (clicca qui, si aprirà nuova finestra), che al momento tengo soltanto a Milano ma che, presto, sarà disponibile ed acquistabile anche via video.

Per questi motivi, illustreremo unicamente una procedura che può considerarsi un adattamento di un ordinario trattamento Reiki, che, come tale, è invio di Luce (a persone o situazioni) nel rispetto di ogni libero arbitrio nel livello più profondo.

____________________________________________

E' possibile operare direttamente sulla persona interessata. Tuttavia, se la stessa già è legata in coppia, si può operare anche sul partner (ad esempio, cercando di fargli comprendere che non ha più senso continuare un legame nel quale la persona che egli crede di amare, in realtà, è profondamente legata ad altra persona).

Spesso, infatti, diversi motivi impediscono ad una persona della coppia di prendere la decisione di separarsi: il timore di ferire il compagno attuale, il senso di incertezza nel lasciare la vecchia strada conosciuta per una nuova, scrupoli di carattere religioso (soprattutto se è già stato celebrato un matrimonio).

 

Trattamento per intervenire sulla persona desiderata o sul suo compagno.

1. Scegliamo un momento in cui ci sentiamo privi di pensieri negativi (invidia, risentimento, rabbia, ecc.) ma proviamo un forte desiderio per la persona che ci attrae.

2. Accendere una candela (preferibilmente bianca) e bruciare un po' di incenso (ad es. sandalo o incenso in grani come quello usato in chiesa).

3. Introduciamo il rituale con una breve preghiera personale, facendola seguire dall'invocazione della Luce divina, Amore divino ed Energia Reiki, con la richiesta che i Maestri di Luce e i Maestri Reiki ci forniscano l'assistenza necessaria, eventualmente arrestando l'intervento qualora ciò che andremo a compiere non sia conforme a verità ed al massimo bene di tutti (ricordiamo infatti che la nostra visione è parziale e potremmo sbagliarci!).

Mai come in questo caso sarà necessaria la richiesta di consenso, soprattutto se si opera direttamente sulla persona che si vuole avvicinare a sé. Chiudete gli occhi e visualizzatela, sgombrando la mente da pensieri negativi e/o ossessivi. Chiedetele con il pensiero se approvi un tale intervento nella sua vita. Se riusciamo a visualizzare la persona mentre ci osserva sorridente, la risposta è quasi sicuramente positiva ed è possibile procedere. Se, viceversa, avvertirete in qualsiasi modo un segno negativo (in alcuni casi simile alla sensazione di un pugno allo stomaco), la risposta è negativa ed è il caso di interrompere, in quanto la continuazione del rituale andrebbe a ledere la libertà della persona. In caso di dubbio (nessuna impressione particolare, difficoltà a visualizzare, ecc.) le scuole consigliano di interpretare la risposta come positiva. La stessa cosa sarebbe da fare se si opera sul partner di questa persona (chiederemo se possiamo procedere ad inviargli energia sul piano mentale per aiutarlo a capire meglio una situazione).

4. Centratura (o mani giunte o qualsiasi altra modalità di connessione); con la mano destra tracciare tutti i simboli (esempio: 1 - 2 - 1 - 3 - 1), possibilmente sopra il volto della persona /delle persone interessata/e che si cercherà di visualizzare.

5. Aprire entrambe le braccia davanti a sé (oppure allungarle in avanti), cercando di mantenere la visualizzazione delle persone sulle quali abbiamo tracciato i simboli. Mantenere la consapevolezza che stiamo per mandare l'energia e l'intervento avrà inizio. Potremo percepire l'energia che inizia a scorrere con un lieve formicolio nelle braccia o in tutto il corpo.

6. Dichiarare l'intento. E' questa la fase più importante. L'intento potrà certamente essere del tipo: "affinché xxx mi voglia bene / mi ami", oppure "affinché xxx lasci yyy e si avvicini a me". In tal caso chiederemo all'Energia intelligente (ma anche alle Entità sicuramente presenti ad assisterci) di adoperarsi in qualsiasi modo sia possibile e consentito per cercare di raggiungere quel risultato. L?intento potrà perseguire un fine più alto se chiederemo semplicemente "che l'affettività e l'amore di xxx ritrovino la loro base e possano avere una nuova possibilità di essere liberamente esercitati con una maggiore consapevolezza che l'Energia possa dare". Ancora, potremmo anche operare in modo più circoscritto, soprattutto se sappiamo di poter basare la nostra richiesta su qualche fondato motivo. Così, ad esempio, potremo entrare in contatto con il compagno della persona che ci interessa, chiamarlo per nome (ove possiamo conoscerlo), e parlargli, raccontandogli le cose che sono accadute (ad esempio le dichiarazioni di amore che noi abbiamo ricevuto dalla persona il cui amore egli crede di avere in modo esclusivo). Potremo anche imporgli (come in una seduta ipnotica) di non ricordare nulla dell'incontro e della nostra identità al suo risveglio. Potremo anche, in aggiunta, utilizzare un intento del tipo: "affinché yyy lasci xxx rendendosi conto che la stessa pensa ed è profondamente legata a me"). Tali intenti siano brevi. Ci sarà tempo durante il trattamento per specificare le richieste.

7. Tracciare / visualizzare nuovamente il primo simbolo (ovviamente pronunciandolo verbalmente o mentalmente: "Choku Rei, Choku Rei, Choku Rei"; ricordate infatti che ciascun simbolo, mentre viene visualizzato o tracciato, si pronuncia, ad alta volce o col pensiero, sempre tre volte).

8. Possiamo mantenere le braccia in quella posizione (se non siamo scomodi e soprattutto se continuiamo a sentire il passaggio di energia) oppure possiamo immaginare di rimpicciolire l'immagine della situazione trattate (in questo caso le persone) e di contenerle tra le nostre mani, che avvicineremo a coppa l'una di fronte all'altra, oppure congiungeremo come in preghiera, o ancora sovrapporremo in orizzontale.

9. Lasciare fluire l'energia per una decina di minuti. Durante questo lasso di tempo possiamo parlare, specificare meglio il nostro intento e - se riteniamo - pregare o comunque rivolgere richieste ai Maestri e al mondo spirituale. Teniamo d'occhio la fiamma della candela: se tende a snellirsi, ad allungarsi  e ad assumere la forma di una punta che tende al cielo, possiamo rassicurarci del fatto che l'energia sta scorrendo abbondante e che, probabilmente, abbiamo l'appoggio del Mondo Spirituale, degli Amici del mondo di Luce che ci stanno aiutando.

10. Al termine potremmo avvertire un automatico calo del flusso di energia. In ogni caso il trattamento può essere efficacemente sospeso dopo 10-15 minuti.

11. Ringraziamento e chiusura (sfregare le mani e soffiare, scrollarle verso il basso, ecc...).

Questo trattamento, considerata la complessità della situazione trattata, non garantisce risultati e richiederà quasi sicuramente di essere ripetuto. Si consiglia pertanto di ripeterlo per una decina di giorni consecutivi.

La persona interessata potrà avvertire un profondo bisogno di incontrare chi ha effettuato questo tipo di intervento, un grande sentimento di amore che si riaccende (ma che in lei è già presente allo stato latente).

Il compagno sul quale si è tentato di intervenire potrebbe riflettere sull'opportunità di lasciare la persona che ci attrae. Si conoscono casi in cui alcune persone si sono svegliate in piena notte prendendo la fatidica decisione di andarsene, senza che tale decisione potesse prevedersi in modo concreto.

Se si decide di intervenire di notte, le persone interessate potrebbero avere sogni particolari; nel sonno, del resto, si realizzano dei particolari stati di coscienza (dovuti ad un allentamento dei legami tra anima e corpo) che propiziano il recepimento di informazioni provenienti dalle dimensioni sottili.

In tal caso (intervento notturno), si  potrà lavorare anche attraverso un trattamento ad esecuzione programmata e differita (anch'esso oggetto di studio nella maggior parte dei corsi Reiki), in modo da non rinunciare al proprio sonno per effettuare l'intervento. Si chiederà all'energia di agire nell'orario prestabilito. L'energia resterà in attesa e verrà inviata a destinazione all'ora prescelta.

Se non accade nulla (oppure se durante un trattamento la candela si spegne in modo repentino o ancora se durante il periodo in cui si ripetono i trattamenti accade di sognare un messaggio che invita a smettere), significa che non siamo autorizzati ad ottenere quanto vogliamo. Non sarà il caso di insistere, se non accettando il rischio di agire in modo violento, commettendo azioni malvagie e procurandosi debiti karmici che non farebbero che appesantire il futuro dell'esistenza con ulteriori solitudini e sofferenze.

>>Torna all'indice "Pratica Reiki">>

 

 

CORSI DI REIKI (1° / 2° LIVELLO)

in MILANO

Durata: 2 giorni (sabato/domenica) -  CLICCA PER  INFO

Corsi Reiki Milano - Trattamenti Reiki Milano - Corsi Reiki Piacenza - Trattamenti Reiki a domicilio - Corsi Reiki a domicilio