REIKI          


Home
Cos'è Reiki
Storia del Reiki
Trattamenti
Corsi Reiki
Ayurveda Reiki
Corsi a distanza
Amethyst Yoga
Meditazione
Tutti i corsi
Letture consigliate
Articoli
Pratica Reiki
FAQ - Domande
L'insegnante
Privacy
Contatti

 

 

IL TRATTAMENTO REIKI A DISTANZA

E L’IMPORTANZA DEL CONSENSO DEL RICEVENTE

_____________________________

Dorje Shiayvam Atothas

 >>  Clicca qui per scaricare l'articolo in formato pdf > 

E’ noto che gli insegnamenti Reiki di Secondo Livello includono la tecnica del cosiddetto “trattamento a distanza”, che permette di utilizzare la tecnica Reiki a beneficio di esseri (persone, animali, vegetali e qualsiasi altra cosa) non fisicamente presenti e percepibili nelle vicinanze dell’operatore.

Il funzionamento di questo modo di operare è ormai comprovato da migliaia di testimonianze di persone che hanno ricevuto questo tipo di trattamento: in alcuni casi, è stato determinante l’effetto, consistito in un rapido benessere con soluzione del problema per cui il trattamento era stato richiesto; in molti altri casi invece, a prescindere dalla soluzione del problema, il trattamento, nel suo aspetto energetico, è stato percepito.

Ciò premesso, e quindi accettato come un postulato il fatto che nel trattamento Reiki l’energia lavori e venga percepita anche a distanza, il tema di cui ci occuperemo con un certo grado di approfondimento, riguarda il consenso da parte di colui che andrà a ricevere il trattamento Reiki.

In questo lavoro, non sarà proclamata alcuna Verità in quanto tale. Ad ogni Anima e al livello di Comprensione dalla stessa raggiunta, la facoltà di trovare la Luce e la Verità in quanto condiviso.

Vi è, del resto, una qualche differenza se la Verità è proclamata da un Tulku (un Maestro Incarnato), oppure da un semplice discepolo?

Ad ogni modo, posso dire di essere un discepolo di un certo grado (giacché siamo tutti discepoli, in fondo), di essere connesso a tutta la Fratellanza Bianca e di essere particolarmente legato alle forze del Pantheon Indù e ad Avalokitesvara.

 

L’utlilizzo di Reiki dal suo sorgere alla fine degli anni ’90.

Dall’inizio della diffusione di Reiki Ryoho (giacché Reiki significa Energia Universale, mentre Ryoho è il metodo di guarigione), uno dei principi cardine nel programma di Secondo Livello (che, ricordiamo, veniva impartito dopo un lungo periodo di pratica con il Primo Livello e comunque sempre a discrezione del maestro) è stato questo: operare sempre e soltanto previo consenso della persona interessata.

Ciò significa che l’operatore Reiki iniziato al Secondo Livello, per poter mettere in pratica le tecniche del trattamento a distanza, dovrà previamente essere stato richiesto di effettuare questo tipo di trattamento; oppure dovrà essere stato richiesto di fornire un aiuto, al quale avrà risposto proponendo questo tipo di trattamento, che sarà quindi stato accettato; oppure, ancora, avrà egli stesso avvicinato una persona da esso ritenuta sofferente, cercando di spiegare a quest’ultima cosa sia Reiki e la modalità del trattamento a distanza, e a questa proposta avrà ricevuto l’accettazione a che il trattamento a distanza sia eseguito.

“Potrei inviarti Reiki a distanza?” è sempre stata la proposta usualmente fatta, ovviamente cercando di spiegare cosa sia Reiki a chi non lo avesse saputo.

“Come funziona? Come si svolge?” è sempre stata la domanda che a questa proposta è seguita.

A quel punto, il saggio operatore, con poche parole, spiega all’interlocutore che si tratta di una lavoro con l’energia, avente anche un significato spirituale; di un lavoro e di un “invio” di Energia universale che altro non è che l’Energia che permea il Tutto, ciò che si vede e ciò che non si vede; ciò che, ad esempio, veicola le onde radio, ciò che permette ai nostri telefoni cellulari di poterci far comunicare.

Se sarà bravo, anziché indulgere in ornamenti di carattere religioso con chi non ne è interessato, l’operatore di Reiki spiegherà che questa Energia Universale, canalizzata nella pratica Reiki Ryoho, è, in fondo, nell’Essenza, ciò che ci permette di vedere una stella distante da noi anni luce, la cui immagine raggiunge la nostra retina nonostante debba attraversare una vastissima zona in cui, mancando l’atmosfera e quindi sussistendo il “vuoto”, si è troppo spesso portati a pensare che quel “vuoto” sia il Nulla. E’ evidente la riflessione che se le onde luminose inviate dalla stella cadessero nel Nulla, non sarebbe certamente possibile che giungessero a colpire una qualche cellula della retina dei nostri occhi e che conseguentemente possano essere da noi percepite. Eppure così è, se la stella è a noi visibile. Segno che ciò che definiamo come “vuoto”, è comunque composto di qualcosa, anzi, di Qualcosa che tutto permea. Questo, è Reiki: Energia Vitale Universale.

Dal livello puramente percettivo, a quello più profondo dell’Amore e del senso di comune appartenenza nell’Uno, non è certamente possibile pensare di descrivere tutte le modalità con cui ogni persona possa cercare di comunicare e condividere il proprio sentire riguardo a Reiki.

Allo stesso modo, non è possibile prevedere quale possa essere la reazione della persona alla quale una tale spiegazione è stata fornita e alla quale il trattamento a distanza è stato proposto. La storia di un’intera vita, dolore portato dentro, schemi mentali in parte ereditati ed in parte costruiti lungo gli anni più difficili di quella vita, saranno gli elementi che ai vari livelli (mentale ed emozionale) potranno portare la persona ad accendere in sé una paura, un rifiuto, o finanche un rancore dissimulato da scetticismo che la porteranno a rifiutare, talvolta in modo gentile, talvolta con un secco “NO”.

Rifiuto che, ancora una volta, un bravo operatore di Luce, dotato di tanta pazienza e ovviamente che sia nella possibilità di rivedere spesso la persona (o di intrattenere con la stessa un carteggio), potrebbe gradualmente dissolvere – con pazienza, com-passione ed Amore incondizionato – permettendo alla persona di vedere da sé (e mai attraverso imposizioni) i propri blocchi e le proprie paure; permettendole di decidere (sempre da sé) di non assecondare questi schemi; di decidere spontaneamente di spogliarsi di tanti paletti e di abbandonarsi, con fiducia, a quella nuova esperienza che è il trattamento a distanza Reiki.

Questo processo – che presuppone un dialogo aperto con una persona della quale si rispetta la libertà, qualunque sia la sua decisione, quantunque non voglia cambiarla -  potrebbe richiedere anni, in cui non si potrà evitare l’attrito, in cui l’operatore reiki dovrà cercare di insinuare tra le righe, in ogni conversazione, qualche seme di luce, qualche racconto di esperienza folgorante, qualche cosa (non elencabile in una scaletta) che possa smuovere nell’altro quell’anelito a congiungersi al suo seme di luce, consapevolezza pura, oltre ogni certezza, oltre ogni timore.

Quanto si è inteso descrivere può, in effetti, trasformarsi in un vero e proprio tentativo di aiutare la persona ad intraprendere la via del Risveglio, in una sorta di guida o comunque di accompagnamento spirituale. Attività che – per esperienza diretta e di chiunque sia un po’ addentro al tema – portano con sé, però, altri problemi, che a loro volta potrebbero generare altri arresti. Solo a titolo di esempio, un tale approccio potrà risvegliare, nella persona “da aiutare”, una propensione al reciproco confronto e la legittima esigenza di voler accertare se colui che spiega e propone un aiuto con insistenza, abbia effettivamente la levatura spirituale per farlo; se esso sia effettivamente “più avanti” per potersi permettere di atteggiarsi in tal modo.

In ogni caso, qualora, in ognuna di queste ipotesi, la persona ritenuta bisognosa di un trattamento a distanza non l’abbia richiesto o accettato, il trattamento non dovrà essere fatto, qualunque sia la situazione in cui questa persona versi.

L’operatore dovrà astenersi.

E’ chiaro, del resto, che, in piena conformità con il contesto buddhista in cui la pratica Reiki è sorta, un accanimento nel voler imporre a qualcuno una seduta di guarigione o un invio di energia (pur se pura e Universale), rivelerebbe la sua origine da qualcuno dei “Cinque veleni” noti in questa cultura, o comunque, in ogni caso, da una sofferenza, un dolore esistente nello stesso operatore Reiki: se io, operatore Reiki, voglio donare, e non mi capacito del rifiuto del mio prossimo e voglio dare ancora e ugualmente, e dietro un nuovo e definitivo rifiuto mi incaponisco e alla fine decido ugualmente di fare ciò che voglio e lo faccio, in tal caso, a muovermi, a “spingermi”, quasi con rabbia, nell’imporre la mia seduta Reiki, sta un risentimento. Non è certo buddhità.

Potrà trattarsi dell’incapacità di accettare un rifiuto, con conseguente senso di essere feriti e di volersi imporre (segno che alla base dell’operatore Reiki stava un’identificazione con il proprio ruolo, che è stato in qualche modo svilito).

E’ un assunto che porto con me da quando sono nato in questa vita, e che ho esposto la prima volta da diciassettenne, in un gruppo di persone che ne ha discusso autonomamente per ore ed ore, fino a notte inoltrata. E’, del resto, l’assunto dei filosofi del ramo utilitarista: quando si agisce, a farci agire è sempre un senso di mancanza. Si agisce sempre per colmare ciò che si sente essere una propria necessità.

Ciò che qualunque soggetto compie, lo compie anzitutto per sé.

Ciò, del resto, rivela anche una verità profonda: il senso di comune appartenenza nell’Uno, ciò che da sempre ho chiamato la “parentela ontologica” che tutti ci lega. Faccio per me, aiuto per me, quindi aiuto te e lo faccio per me, perché in fondo, anche se solo inconsciamente, io so che tu sei me, e che io sono te, e che io e te siamo tutti nel Tutto.

Resta il fatto che diversi sono i livelli di coscienza in ogni persona, e che l’energia che sta alla base di questo attivismo, è in genere un dolore.

Potrà trattarsi di un desiderio irrefrenabile di aiutare colui che, per la sua condizione, muove a pietà: se sento dentro di me l’istinto irrefrenabile a portare un aiuto per curare un problema o finanche a prevenirlo pur contro la volontà dell’interessato che ne sia perfettamente consapevole, ciò accade comunque perché, in qualche modo, sono io a stare male, e qualcosa mi spinge e mi tormenta a farlo.

Basta osservarsi con lucidità ed attenzione alla prima occasione (ad esempio imbattendosi in un uccellino ferito e lasciato solo) per accorgersi che ciò che muove ad agire è sempre un nostro dolore profondo: o il dolore stesso (mai metabolizzato) per avere fatto su di sé quell’esperienza o esperienza similare, oppure la paura che tale evento possa capitare a noi stessi. L’iniziativa inarrestabile di voler “curare”, sarà la manifestazione conscia del tentativo del Lightworker (qui Operatore Reiki) di “esorcizzare” la paura o il dolore di una condizione che non è mai stata accettata e compresa nel suo vero senso, tanto che solo il nominarla può fargli ancora accapponare la pelle, o suscitare il pianto, o il tremore, e – quasi come uno scatto involontario – far decidere che “su quella persona si DEVE far qualcosa, lo voglia o no, in nome dell’Amore”.

In nome dell’Amore, si dice. L’Amore. Parola abusata, soprattutto in questi ultimi anni.

Per Amore, un amante uccide e si uccide. Per lui, quello è la più alta forma di Amore. E’ l’Amore verso la Creatura, in cui si vive l’esperienza della fusione con il Tutto. In cui si sperimenta il Tutto.

Per Amore (di Allah) qualche terrorista islamico si fa esplodere provocando decine o centinaia di morti. E nella sua convinzione, quello è il segno di Amore più alto.

Per Amore (di Dio e di Gesù) la Chiesa ha, in passato, portato ripetutamente guerra in Terra Santa, provocando la morte di migliaia di persone.

Per Amore, una madre impedisce al figlio di essere se stesso, bloccandogli la via nell’intraprendere una carriera artistica o sportiva, in forza del dolore ricordato, trattenuto e mai metabolizzato per aver subito essa stessa o altra persona cara un evento spiacevole da esperienze similari. Per questa madre, l’espressione più autentica dell’Amore è proprio quella verso le persone di cui ci si prende cura, e alle quali si dovrà procurare solo ed esclusivamente il loro massimo bene, che si presume di poter conoscere.

L’Amore, spesso ritenuto la magica “chiave” che tutto risolve, la valvola di chiusura di ogni sistema, di ogni teoria e di ogni discussione spirituale, è un termine il cui significato è stato a tal punto dilatato e frainteso, da essere ormai completamente evanescente, tanto che ci si può chiedere se vi possa essere Qualcosa, che per almeno un gruppetto di Anime, per più di una sola, possa essere comunemente inteso come Amore.

Ma ciò che è evidente, è quanto abbiamo illustrato sopra. Di fronte ad una persona che appare sofferente (quantomeno, che così viene percepita dall’operatore di Reiki), si vuole agire, si vuole intervenire su quella persona, ma mentre si vuole farlo, non si è sereni, non si ha quella serenità, senza apprensione, senza risentimento, senza paure, senza dolore, in cui chi è permeato unicamente dal puro Amore, dovrebbe dimorare.

Sarà chiaro, che sia l’identificazione che la non accettazione (meccanismi che, come visto, portano l’operatore di Reiki ad accanirsi nel voler trattare anche all’insaputa o addirittura contro la volontà dell’interessato), sono due errori lungo il Sentiero dell’ascesi, sia buddhista, sia di qualunque altro percorso spirituale, e che un operatore Reiki iniziato agli insegnamenti del Secondo livello, per quanto non si pretenda debba essere un Illuminato, dovrebbe quantomeno essere ad un buon punto lungo il Sentiero di consapevolezza.

La prassi illustrata, comunque, è stata il contesto in cui Reiki ha operato fino agli inizi del ventunesimo secolo.

 

La situazione odierna.

L’insegnamento del Reiki, negli ultimi anni, è cambiato.

Complice l’avvento del web, oggi il secondo livello Reiki, così come addirittura il terzo, è conseguibile da chiunque nel giro di un paio di mesi, senza che l’insegnante eserciti più la benché minima discrezionalità, e addirittura senza che vi sia più un qualsivoglia rapporto di conoscenza tra maestro ed allievo.

Non è il caso di indagare i motivi profondi di questo mutamento nelle menti degli insegnanti. Avendo operato così per alcuni anni, non nego che in me era viva più che mai l’esigenza di aumentare il guadagno, accogliendo anche richieste di allievi dimoranti molto lontano dalla mia città, ai quali potevo richiedere il pagamento della quota.

Si impara sbagliando, dice un detto popolare, e così è stato nel mio caso, laddove, come una folgorazione, un evento abbastanza banale mi ha acceso un barlume e mi ha insinuato il primo dubbio sull’opportunità di continuare a lavorare in tal modo; dubbio sciolto definitivamente in tempi più recenti, in cui ho deciso di riservare questo tipo di insegnamento unicamente al Primo livello e per casi eccezionali, da valutare caso per caso e sempre previa conoscenza (quantomeno a mezzo telefono) dell’aspirante allievo.

Ciò non significa, comunque, che il mio caso, con i relativi moventi, possano estendersi automaticamente agli altri insegnanti, che potrebbero essere stati ispirati in altro modo.

Tornando al nucleo del tema trattato, sarà importante riflettere sul fatto che, se i tre livelli sono accessibili a chiunque nel giro di un paio di mesi al massimo, un fatto diventa evidente: è aumentato (e continua ad aumentare) il numero di persone che ricevono l’iniziazione al Secondo Livello Reiki (con facoltà di operare trattamenti a distanza) senza aver ricevuto una Guida adeguata, senza aver mai conosciuto dal vivo l’insegnante, senza essere passati al vaglio di quella discrezionalità del Maestro che – seppur in alcuni casi possa aver costituito un limite o aver creato distorsioni – manifestava il saggio intento di ponderare con cura il conferimento di insegnamenti e “poteri” all’iniziando.

La situazione odierna (di cui mi stavo disinteressando) è tornata a farsi chiara recentemente, a seguito di alcuni carteggi e colloqui con conoscenti e persone che si sono rivolte a me per ricevere insegnamenti differenti dal reiki (ad esempio, le pratiche sciamaniche o la meditazione).

Ciò che per alcune di queste persone è “la prassi normale ai nostri giorni” e che per altre è addirittura la propria pratica quotidiana, è questa:

1.     non occorre più avere il consenso della persona da trattare per inviare Reiki a distanza;

2.     in determinati casi, se nella massima libertà così suggerisce il “Cuore” e il “sentire” dell’operatore di Terzo livello con facoltà di insegnare, può essere opportuno aiutare una persona (ignara di tutto) non soltanto con un trattamento a distanza, ma addirittura inviandole a distanza una iniziazione al Reiki, trasmessa senza che la persona interessata lo sappia. L’iniziazione aprirebbe i canali e svolgerebbe (sotto la guida e l’attività dell’Energia Universale, dello Spirito e del Sé superiore dell’interessato) tutto ciò che sia necessario per attuare dei cambiamenti permanenti nella persona, che quindi si spera possa intraprendere un sentiero più “luminoso” di quello intrapreso e percorso fino a quel momento.

La prima novità (la non necessità del consenso dell’interessato per trattare a distanza), è oggi posizione condivisa da diversi Reiki Master, anche tra coloro i quali sono stati formati alla maniera tradizionale, alla presenza di un maestro. Tanto che – scorrendo le pagine sul web – mi sono accorto che lo stesso autore di un manuale che era stato usato da una nota Associazione Reiki e di cui ero in possesso, in cui il consenso era indicato come un principio cardine – ha drasticamente mutato la propria posizione finendo con il sostenere che Reiki possa essere inviato sempre ad ognuno e ad ogni cosa.

 

L’apprendimento del Reiki: una semplice tecnica, o un Sentiero ?

Qualcuno conoscerà questo detto: in Giappone si nasce scintoisti; si diventa cristiani; si invecchia e si muore buddhisti.

Per quanto notizie esatte non siano state ad oggi reperite sulla giovinezza di Mikao Usui, quello che è noto è che nella fase matura della sua vita, lo stesso ha aderito al cammino Buddhista.

In questo contesto (buddhista) è sorto Reiki. Un contesto spirituale.

L’ascesi buddhista, come ogni altra, mira alla cosiddetta “Liberazione”, ovvero alla ri-scoperta, in ogni persona, della propria Vera Natura: pura consapevolezza, senso di unione con il Tutto, coscienza di essere oltre lo spazio e il tempo (e quindi, di essere “l’Eterno non nato”). Consapevolezza che si raggiunge soltanto allorché la mente del singolo raggiunge uno stato di immobilità, tale da abbattere le numerose barriere che impediscono alla vera Conoscenza di entrare.

Tale risultato, viene perseguito a seguito della ferma determinazione ad intraprendere un cammino di ascesi; cammino che, per quella singola Anima (Atma) può richiedere diverse incarnazioni, e che comporta un graduale smantellamento (un po’ come nello sfogliare gli strati di una cipolla) di ogni condizionamento, schema mentale, memoria di dolore e di ogni radice di qualunque dolore che aleggia nel mondo umano e, in generale, nel regno del Samsara.

Un cammino, quindi, che possiede tutti i requisiti di un (e spesso è stato chiamato) “cammino iniziatico”.

Anche Reiki, sorto in questa cultura, si presenta come un cammino iniziatico.

Benché l’esperienza del Primo Livello sia alla portata di tutti, è rimesso all’insegnante valutare se la determinazione e gli sforzi del discepolo, nel tempo, possono averlo portato a quella maturità non solo tecnica ma anche spirituale tale da permettergli di proseguire nel ricevere ulteriori insegnamenti, con i quali (com’è noto) si entra nella possibilità di interferire nel mondo e nella vita di altri esseri incarnati, superando le barriere dello spazio e del tempo. Insegnamenti che richiedono un maggiore controllo sullo stato di centramento, equilibrio e fermezza dell’aspirante.

Come in ogni cammino iniziatico, anche nel Reiki ogni tappa di insegnamento è coronata da riti di iniziazione (le cosiddette attivazioni, ormai definite in inglese attunements, quasi si trattasse della sintonizzazione di un apparecchio radio o di un decoder, ma tant’è).

Come in ogni Sentiero, anche la Via che percorre l’allievo che si affida ad un maestro di Reiki, è sempre stata (e nelle Scuole tradizionali, ancora è) un cammino comprensivo dell’aspetto spirituale, volto a portare gradualmente ad uno stato di serenità, di equilibrio interiore ed infine all’illuminazione (per usare un termine giapponese, il Satori).

Che Reiki sia sempre stato un cammino spirituale e debba necessariamente rimanerlo, è un’evidenza e al contempo una necessità. Basti riflettere: come potrebbe, un operatore Reiki anche soltanto di Primo livello, preparatosi unicamente attraverso pochi fogli in pdf indicanti la posizione delle mani, gestire l’approccio con una persona che lo cerchi per ricevere aiuto nel gestire un dolore causato da una complessa situazione emozionale, che si sia somatizzata con problemi nel corpo fisico?

Immaginiamoci cosa accade quando ad essere interpellato è un operatore di Secondo Livello formato in tale maniera “soft”, a distanza o anche dal vivo. Ancora, immaginiamoci ancor di più cosa accade quando, senza che alcuno sia interpellato, il suddetto operatore di Secondo livello, venuto a conoscenza di quello che egli ritiene essere un “problema”, e sentendosi “a cavallo” di ogni realizzazione intellettuale e spirituale,  si metta ad agire all’insaputa del destinatario.

Eppure, ad oggi, questa è la situazione della maggioranza del Reiki Master esistenti, alcuni dei quali, negli anni successivi al “maestrato”, cercano di proseguire la loro formazione attraverso la lettura di un qualche libro, che qualche volta è di aiuto ad interpretare le esperienze della loro vita e ad acquisire qualche barlume in più di consapevolezza.

In altre parole, come una famosa frase recitava, oggi, nel Reiki, si va veramente soltanto “dove porta il Cuore”.

Tu, o lettore, forse a questo punto insorgerai, infiammandoti, laddove ritieni che io non mi renda conto che nell’inviare Reiki, altro non accade che un invio di pura Energia Universale, illuminata, intelligente, sotto il controllo dei Sé superiori. Ti chiedo di portare pazienza, di questo parleremo tra poco.

Per valutare appieno, anzi, direi (escludendo l’aspetto mente – razionalità) per fare esperienza appieno di ogni aspetto della vita, occorre viverlo in tutti i suoi punti di vista.

Spesso ci pensa la vita stessa (non voglio usare il termine karma perché molti lettori lo considereranno superato, un’illusione), ma chiunque giunto ad un certo livello evolutivo potrà confermare questa constatazione: combiniamo qualcosa che irrita il nostro prossimo, ma di cui ci compiaciamo. Non ci pensiamo più e passano anni. Poi, un giorno, cosa accade? Viviamo un episodio spiacevolissimo, che ci porta alla disperazione o ad una rabbia cieca che ci porta quasi alla pazzia, per poi scoprire che ci siamo nientemeno trovati che nell’esatta condizione che avevamo fatto vivere noi, molti anni prima, a quella persona che ci era stata così male.

E lì si può ricevere il dono della realizzazione.

Per le Anime fortunate che riescono a ricollegare le vicende, si dischiude la “doppia visione”, la visione contemporanea di un evento (diluitosi in due episodi anche molto lontani temporalmente) da entrambi i punti di vista. Visione che porta ad una piena Comprensione, e quindi al non-giudizio ed alla vera capacità di perdono. Di se stessi e dell’altro. Perché solo in quel momento (e non sforzandosi di digerire un indottrinamento) si sente quanto, in realtà, siamo uniti. Quanto, in realtà, le nostre singole menti, affondino le loro radici in un’unica Mente, che è la stessa per tutti. Quanto tutti siamo una cosa sola.

 

Analogamente, per comprendere ciò di cui stiamo parlando (il trattamento a distanza eseguito senza il consenso), utilizzeremo lo stesso meccanismo, lasciando da parte la razionalità e la retorica. Se siamo operatori Reiki (come credo sia chi legge questo testo) sarà sufficiente provare a metterci nei panni di un destinatario ignaro di tutto.

Personalmente (al di là del discorso sul cosa “di male” possa o non possa farmi, che è altra questione) non sarei certamente molto entusiasta all’idea che un operatore Reiki che non conosco, la notte, la sera o nei suoi momenti di tempo libero, stesse ad armeggiare con una mia fotografia (se non con un pupazzo, molto usato nel ramo) per inviarmi dei trattamenti a mia completa insaputa.

Ancora prima dell’eventuale insorgere di una certa dose di rigetto o di paura (squisitamente umani), ciò che dal profondo emerge è il senso di una stonatura. Non c’è termine per definirla meglio. Stonatura nel vedere che una persona che pratica Reiki, e che quindi dovrebbe essere ben addentro in un cammino spirituale che sempre rivela, pur con gradualità, l’inutilità dell’agire e di ogni iniziativa, abbia deciso di mettersi ad intervenire, di mettersi “a lavorare” su di me (termine usato da alcuni operatori) senza nemmeno la necessità di provare a venirmelo a dire.

Eppure, se ci pensiamo, ciò potrebbe accadere. Potrebbe sempre, in questo momento, esserci qualche nostro collega che non condivide le nostre idee, il quale sta tentando di inviarci Reiki (luce pura, Energia Infinita ed Universale, certo, per il nostro Sommo Bene) nella certezza che il nostro Sommo Bene sarà cambiare la nostra opinione.

Che poi, quello sia realmente il nostro Sommo Bene, e ancora, che (essendolo o meno) il trattamento o la serie di trattamenti realizzi un qualche effetto, è altra questione e dipende da innumerevoli fattori. Ma ciò che “stride”, solo ad essere pensato, è l’approccio.

Diverso, molto diverso sarebbe il caso (da me realmente sperimentato) in cui sapessi che lontano, in un’altra parte del globo, mentre io soffro, una persona che conosco e che stimo, la quale mi ha offerto il suo aiuto che io ho accettato, nei suoi momenti liberi mi sta dedicando del tempo e si mette al lavoro per cercare, in qualche modo, di alleviare il mio dolore e di aiutarmi per il mio massimo bene. Mi darebbe, tra l’altro, anche la possibilità di ringraziarla.

Come detto, questo è oggi un modo di operare che si va diffondendo sempre più, di pari passo con il mutamento nel modo di insegnare Reiki, allorché non si è più preteso di instradare gli allievi in un cammino spirituale né di porre dei paletti, delle tempistiche, al conseguimento del Secondo e finanche del Terzo livello. C’era d’altronde da aspettarselo.

Coloro che oggi “esercitano” in questo modo, pretendono di dissolvere qualunque obiezione sostenendo che Reiki è Luce Pura, energia di Amore Incondizionato che lavora al livello dello Spirito, della Creazione, del nostro Sé superiore e che quindi, da queste Forze e Consapevolezze è pilotata ed utilizzata, con la conseguenza che tale Energia sarebbe comunque sottratta alle eventuali devianze dei nostri piccoli voleri umani e mai potrebbe operare in modo nocivo al Maggiore Interesse della persona (più usato è il termine “Sommo bene”, che tuttavia, già di per sé, rivela la sua natura duale, dicotomica: bene – male, bello – brutto, benefico – nocivo, bianco – nero, che è meglio cercare di trascendere).

Questa asserzione richiederebbe una trattazione che coprirebbe un elaborato di migliaia di pagine, oppure anni di confronti e discussioni che probabilmente non darebbero esito.

Perché? Analizziamo i fattori per cui un dibattito sul tema sarebbe inutile.

 

I motivi dell’inutilità di un dibattito.

 

1. La mente e la sua limitatezza.

Si dice spesso nella cultura orientale, che se due Illuminati che volontariamente hanno scelto di reincarnarsi per aiutare le altre Anime, avessero occasione di ritrovarsi e di conversare, e volessero confrontare il loro Sentire su cosa sia l’Illuminazione, non ci riuscirebbero. O non si comprenderebbero, o inizierebbero a dibattere.

Per quale motivo?

Perché – come ogni saggio percorritore del Sentiero, come ogni praticante di Yoga un po’ avanti nel cammino ha realizzato – il confronto verbale o scritto implica l’uso della mente, le cui possibilità sono limitate ed assolutamente inadeguate a cogliere l’essenza.

Un’Anima vuole esternare il suo sentire. Deve usare uno strumento: la sua mente, che opera con concetti ed elaborazioni e che necessariamente dovrà incasellare (e ridurre) alla dimensione del “finito” ciò che finito non è.

Così facendo, attraverso il linguaggio, il “Sentire” originario sarà esternato e potrà essere colto dall’interlocutore.

Costui, a sua volta, come prima cosa dovrà utilizzare la sua mente (analogamente limitata, come tutte) per decodificare il linguaggio e tradurlo in concetti ed altre realtà mentali (quindi finite). In tale processo, tra l’altro, subentreranno sicuramente diversi schemi mentali (ben conosciuti dagli psicologi) e meccanismi di difesa, che (in base alle esperienze passate, al modo in cui sono state interpretate e valutate, al dolore provato, ecc) cercheranno di attuare in automatico una “risposta” a ciò che entra, spesso opponendo un secco rifiuto, altre volte accendendo una dose elevata ed inaspettata di paura, oppure stimolando un senso di competizione, di invidia, di rabbia.

Non è detto che sia così (infatti potrebbe darsi il caso che la mente del ricevente, particolarmente addestrata e purificata, o semplicemente in assonanza con quella dell’interlocutore, accolga a braccia aperte il messaggio), ma in molti casi accade.

Dopo aver vagliato tutti questi filtri, il contenuto giunge all’Anima (Atma), alla goccia divina che risiede dentro ognuno. Anima che già, in qualche modo, aveva “captato” il sentire dell’altra Anima.

Se tuttavia – dopo il vaglio dei filtri mentale ed emozionale – il messaggio in ingresso ha svegliato schemi, difese e resistenze, in colui che riceve il messaggio (comunque già limitato e distorto nel momento dell’emissione) si crea un certo disordine. Costui, magari dedito a seguire un Sentiero, proverà in tutti i modi a confrontare quanto inteso con il proprio Sentire, ma non ci riuscirà. Perché il prodotto del caos mentale che si è creato, peraltro limitato alla dimensione del finito attraverso concetti che sempre lasceranno “fuori” qualcosa, in effetti non può risuonare con le Verità conosciute dall’anima.

Che succederà quindi (cosa che accadrà anche con la lettura di questo testo) ? Accadrà che le due persone incarnate non saranno in grado di condividere comprendendosi appieno.

A questo punto due sono le alternative: o si decide di arrestare il confronto, consapevoli della dinamica illustrata, oppure si cade nel tranello dell’identificazione, ci si immedesima con la propria mente, con il prodotto della propria riduzione-al-mentale, e si pretende che tali asserzioni vengano accolte in quanto Vere. Si crea aspettativa (che la propria tesi sia rispettata ed accolta) e dal momento che così probabilmente non sarà, la frustrazione dell’aspettativa creerà dolore, molto spesso rancore. In ogni caso, incomprensione.

Il risultato, molto spesso, è che se questa dinamica si verifica tra due persone che in qualche modo credono di percorrere un Sentiero, ognuna (sentendo che il percepito mentalmente non risuona col suo Sentire) sarà portata a considerare l’altro come ottenebrato, come “più indietro” lungo il Sentiero, come un essere umano “non pronto” a trattare e a comprendere il tema.

In verità, invece, tutto questo non fa che creare altra illusione sull’illusione già presente.

Senza accorgersi che, a quel punto, l’operazione più elevata che può essere compiuta, è tornare al proprio centro e fermare la condivisione.

Più prosegue l’azione, più si crea caos.

Lo riconosce in modo cristallino il Tao Te Ching laddove recita:

“Fai col non fare,

agisci col non agire,

permetti all’ordine di sorgere da solo”.

Mi auguro, in ogni caso, che questo scritto possa avere una qualche utilità ulteriore rispetto a quella di aumentare il caos.

 

2. Il livello iniziatico di ogni Anima.

 

Il tema trattato mi costringe, a questo punto, ad entrare in quelli che ancora oggi sono considerati, in qualche modo, insegnamenti esoterici.

Non mi sarebbe possibile fornirne una prova dotata del rigore scientifico. Chi intende proseguire, si accontenti di sapere che si tratta di nozioni comuni a tutti i cammini esoterici nel mondo, e che alcune conferme di quanto viene insegnato possono trovarsi in letteratura, nelle esperienze di premorte (NDE), nelle esperienze extracorporee e nelle esperienze mistiche vissute in meditazione da determinate persone.

L’essere umano non si identifica unicamente con il suo corpo. E’ composto di altri “strati”.

Ogni corpo, ogni strato, ogni forma, tuttavia, è destinata a mutare, ad estinguersi trasformandosi in qualcos’altro.

Basti osservare la realtà intorno a noi: gli alberi di un bosco, prima o poi diventeranno cenere bruciata, oppure (se non saranno tagliati) marciranno e daranno nuovo concime alla terra. Ogni vegetale o animale sarà destinato a trasformarsi in qualcos’altro. Si cresce, si raggiunge il culmine di una forma e di una manifestazione, quindi ci si trasforma.

Accade con le nuvole.

Accade con l’uomo. La vita fisica si limita ad un certo numero di anni, trascorsi i quali, per le leggi di natura, il corpo fisico con i suoi meccanismi si disgrega, per iniziare un processo di decomposizione che lo ridurrà nuovamente ai suoi elementi primi, che torneranno a nutrire il serbatoio di elementi necessari a formare nuovi vegetali, nuovi animali, nuovi corpi umani.

L’impermanenza, concetto molto noto al buddhismo.

Nell’essere umano, vi è un principio unitario, sede della coscienza, chiamato Anima.

Nei vari percorsi spirituali, è controverso se l’Anima sia eterna o se – in quanto ancora legata ad un’individualità – sia in qualche modo destinata anch’essa a trasformarsi e a fondersi in qualcos’altro, come il buddhismo sostiene.

Ciò che importa, è che l’Anima (in esoterismo la si considera racchiuso nel cosiddetto corpo causale) è una parte del Tutto, dotata di coscienza, che ha “deciso” di calarsi in strati più densi per fare esperienza.

L’esperienza, le è necessaria per conoscere, per evolvere, per raggiungere la piena autocoscienza (o Illuminazione), che in quanto anima individualizzata, staccatasi dal Tutto, ancora non possiede.

A tal fine, sono necessarie numerose esistenze, nel mondo umano così come in altri mondi, secondo un percorso che non si può nemmeno tentare di tracciare.

Ciò che è noto, è che nella stragrande maggioranza dei casi, una sola esistenza non è sufficiente a raggiungere l’illuminazione, e che pertanto, nel gioco di forme che sorgono, fioriscono e si dissolvono, l’Anima – eterna per alcuni, oppure dotata di una vita sicuramente molto più lunga dei corpi per altri – entra ed esce da corpi e forme, vivendo una serie di esistenze incarnate, fintanto che il percorso non è stato completato.

Ad ogni esistenza, in qualche modo, l’Anima compie alcuni progressi. Potrebbe compierne più velocemente il criminale incallito che ha sperimentato il carcere nel suo paese, all’estero, le minacce, la tortura, la vendetta, di un pio devoto religioso che abbia trascorso tutta la sua vita in immobilità. Non è facile e non è il nostro compito fare le pagelle, ciò che deve essere compreso è che ogni esistenza ed ogni modo di essere merita rispetto.

Le esperienze maturate in ogni vita si vanno ad aggiungere alla Saggezza accumulata dall’Anima del corso di tutte le sue esistenze.

In base a quanto detto, sarà evidente che le Anime incarnate nei corpi che vediamo, di persone di età anagrafica uguale o diversa, avranno diverse età evolutive: ci sarà l’anima giovane, alle prime incarnazioni; e ci sarà l’anima antica, che ha accumulato un’enorme quantità di saggezza.

Altro sarà il discorso di quanto ogni Anima riuscirà ad esprimere, ad emanare la sua vera Essenza in ogni singola incarnazione. Per fare questo è necessario addestrare e purificare la mente e lavorare a lungo sulle emozioni, nonché intraprendere un serio cammino spirituale. Altrimenti avremo grandi anime che utilizzano strumenti inadeguati.

 

Il quadro che emerge a seguito di queste riflessioni, è quanto mai caotico: convivono Anime di diverso livello evolutivo (che non è legato all’età anagrafica); anime di diverso livello evolutivo vedono la realtà in modalità completamente diverse, e ne hanno diverse comprensioni, che per ognuna di Esse, è il proprio Sentire e quindi la Verità; ogni occasione di confronto, di dialogo, di condivisione finisce quasi inevitabilmente (anche tra illuminati, tra anime antiche) per sfociare nell’incomprensione (quando va bene) e in una serie di dibattiti e frecciatine, attacchi e contrattacchi quando si cade nella trappola dell’identificazione.

Il tutto è complicato ancor di più dal fatto che una grande Anima potrebbe (a questa stregua, anche per la sua giovane età) non essere ancora riuscita a “forare” gli ostacoli della mente e delle emozioni, a purificare il proprio strumento, e quindi ad emanare il suo pieno potenziale, e quindi una tale Anima potrebbe trovarsi imbrigliata ad entrare in conflitto con anime più giovani (ma più yogicamente addestrate oppure, anche se non sempre, più “limate” e “arrotondate” nei loro spigoli dall’età anagrafica) in livelli di comprensione che non sono più i suoi, che quell’Anima, in altre vite, ha già superato.

La torre di Babele, da cui ci si può tenere fuori soltanto praticando il silenzio e la non-azione. Ma è il bello della vita, in fondo.

 

Il consenso nel trattamento a distanza: due riflessioni.

A fronte di tutto quanto esposto, le chiamerò riflessioni e null’altro, senza alcuna pretesa di imporre alcuna Verità.

Si diceva che coloro che non si pongono troppi problemi nell’inviare Reiki a chi ne sia ignaro, si giustificano (oltre che contrattaccando, vedendo blocchi e paure in chi non la pensa come loro) ricordando che Reiki è Puro Spirito, Energia Illimitata oltre ogni errore o deformazione umana, controllata e direzionata dai nostri Sé superiori, quindi impossibilitata a nuocere.

Ammettiamo che sia così (anche se in realtà le cose stanno in modo molto più complesso). Quand’anche sia tutto “sotto controllo” del Sé superiore dell’interessato (ed anche dell’operatore), quand’anche quest’energia si autoimposti nel migliore dei modi; se veramente dall’Alto vi è questo controllo;

e inoltre, ciò posto, se veramente i nostri Sé superiori sono quelle “parti” di noi che ci indirizzano, ci guidano e ci evitano di combinare guai, allora, sorge spontanea una domanda:

vi sarebbe veramente ancora la necessità che per aiutare un essere incarnato, si debba attivare un’altra persona azionando determinate tecniche (si tratti di riti o di semplici trattamenti Reiki)?

Evidentemente, a questo livello di comprensione, no, perché l’energia è da sempre in tutto e scorre in ogni cosa, e perché i nostri Sé superiori sono il Principio che, attraverso la volontà, ha stabilito lo scopo del nostro essere qui-ed-ora e la durata della nostra incarnazione; non potrebbero, quindi, aver lasciato una falla tale da essere colmata soltanto attraverso un rito (quasi sempre) mal fatto.

Eppure, l’esperienza prova che l’energia dei trattamenti Reiki (dal vivo e a distanza) viene percepita e molto spesso porta dei reali benefici. Così come, risultati tangibili si evincono dall’esperimento di altre pratiche “energetiche”, talvolta volte ad aiutare, talvolta a colpire una persona.

 

Che cosa significa questo? Forse ciò dovrebbe portarci a riflettere sul fatto che i nostri Sé superiori possano consentire (se non addirittura aver programmato) una serie di “prove”, vicende e situazioni difficili, sgradevoli, che ci costringono a vivere fino in fondo una determinata esperienza.

Ci si arriva attraverso una saggia astrologia; attraverso la divinazione, soprattutto con la lettura della mano; dal ricordo (raro) di esperienze extracorporee in cui un Essere di Luce ha anticipato alcuni eventi futuri della persona; oppure attraverso canalizzazioni effettuate da medium affidabili. Il futuro di una vita, o comunque la forte probabilità che si presentino dei “paletti” non rimovibili, degli “ostacoli”, è prevedibile e appare già programmato.

Quando un’operazione della cosiddetta “magia nera” provoca obiettivamente una sofferenza in chi ne sia ignaro; o quando un trattamento energetico (anche una forma di Reiki non convenzionale) viene percepito e provoca degli effetti forti e magari un po’ strani che sconvolgono la persona, in tutti questi casi non possiamo che formulare due conclusioni:

o i Sé superiori dell’operatore e del ricevente non sono stati in grado di “accomodare” l’evento (cosa insensata e difficile a credere, se sono Sé Superiori come il termine attesta), oppure ciò significa che tutto era già stato scritto, e che quindi era stato programmato, nel copione del destinatario, che ci sarebbe stata una messa alla prova, un’esperienza difficile da affrontare, e che una persona sarebbe entrata nella sua vita fungendo da tramite per farle vivere quella prova; prova che fornirà un’opportunità evolutiva.

E’ stato detto e ripetuto anche in innumerevoli canalizzazioni, e non faccio certamente un’affermazione nuova quando dico che tutto ciò che ci accade, è in qualche modo stato permesso dalla nostra parte più alta, dal nostro Sé superiore.

Potremmo dire che il nostro Sé superiore sa e ha deciso il modo per farci affrontare il nostro karma(n), oppure evitare di aggiungere giudizi e limitarci all’evidenza: ciò che ci accade, ci fa fare esperienza, e il Sé superiore già sa tutto.

A questa stregua, nei più alti livelli di comprensione, raggiungibili anche attraverso alcune strade di Yoga, si è affermato che uccidere e non uccidere siano realtà che si equivalgono. Ed in effetti è così, laddove si pensi che ad essere ucciso è un corpo fisico che partecipa dell’impermanenza, che possiede una forma “illusoria” destinata comunque a perire; e che, comunque, l’esperienza di uccidere o di essere uccisi sono, appunto, esperienza che porta, in ogni caso, il Conoscere. Esperienze che saranno vissute entrambe (prima dall’uno, poi dall’altro punto di vista) per l’anima che si appresta a terminare il suo cammino di incarnazioni e a raggiungere il Completamento.

Ai livelli più alti di comprensione, questa è la realizzazione che sopravviene.

Ora, tuttavia, ci si deve interrogare sul senso di un’etica, di un indirizzo nelle modalità di azione e di interazione, in un contesto in cui diverse Anime, di differenti età e livelli di comprensione, si trovano a convivere.

Proprio in quanto si è tutti una catena, si è tutti interconnessi, l’agire di uno condiziona l’esperienza (e l’evolvere) dell’altro. E in questo, spesso, un’azione violenta finisce con il provocare in una determinata Anima dei traumi di tale intensità da bloccarne il percorso e il cammino anche per decine di incarnazioni.

Tutto permesso dal Sé superiore, si dirà. Senz’altro, ma occorre acquistare la capacità di spostarsi sui vari (simultanei, tutti presenti) livelli di esistenza e di Comprensione.

Se un’etica evolutivamente orientata, che sia accettata, orienta l’agire della collettività, va da sé che l’evoluzione di ogni anima, le esperienze vissute e quant’altro, seguiranno una strada armonica. I Sé superiori avranno permesso anche questo ed anzi, se una tale etica viene accettata, si può dire che i Sé superiori l’hanno voluta.

E’ questo il motivo di questo mio intervento sul tema del trattamento reiki a distanza e del consenso, in un momento in cui, intellettualmente, religiosamente e spiritualmente, si è in pieno mutamento, in un incessante tumulto.

E’ un periodo indubbiamente difficile.

Mutamenti di energia, mutamenti nel modo di comunicare e di insegnare le discipline spirituali.

Canalizzazioni ed esperienze di viaggi astrali in molte persone; fenomeni psichici, interpretati come “doni”, che troppo spesso ingenerano in chi li vive le opposte convinzioni di essere impazziti, oppure, al contrario, di essere degli Eletti, degli illuminati con il compito di istruire e guidare le masse, rispetto alle quali si è spiritualmente “più avanti”, magari in quanto si riesce ad avere dei “flash” sui fatti privati della vita dell’interlocutore o sugli episodi del suo futuro.

Complici i nuovi sistemi di comunicazione, le idee circolano ed è diventato molto facile, per ogni persona, entrare a contatto con ogni idea e pensiero.

Aumentando il livello generale di istruzione e la possibilità di comunicare oltre gli angusti spazi della propria città o della propria nazione, è cresciuto il livello di autostima in ogni singola persona.

In questo contesto, convivono anime con diversi livelli di evoluzione, alcune impegnate in un cammino spirituale, altre no.

In questo quadro, si deve cercare di fornire una risposta al nostro quesito.

E’ difficile poter dare un’indicazione.

Vi sono vari livelli di evoluzione dell’Anima a cui possono trovarsi varie anime incarnate e vari operatori di luce.

Ognuno di questi livelli darà un peculiare modo di comprendere la Realtà e il senso di ciò che accade e si fa.

Immaginiamoci un’Anima che porti in sé tanta Luce (anche le Anime, proprio in quanto individualizzate, portano con sé un’identità, una “provenienza” e certe peculiarità; certi poteri, certe abilità, pur se in piani molto più elevati di quelli concepibili dalla nostra mente umana), ma che non abbia ancora completato il proprio Sentiero evolutivo nel proprio ciclo di incarnazioni. Se la persona incarnante quest’Anima (potente, orientata alla Luce, ma ancora agli inizi del Sentiero) entrerà a contatto con Reiki, sentirà un innato desiderio di farlo e magari anche di condividerlo e di insegnarlo ad altri.

Per Essa, Reiki sarà Amore, sarà qualcosa di meraviglioso che si DEVE dare e diffondere, perché non esisteranno motivi (non ne vedrà) per non farlo.

Vedendo una situazione di bisogno, che a lei provocherà ancora un grande dolore e un furioso impeto a cercare di spegnere immediatamente la sofferenza, cercherà immediatamente di attivarsi.

E se – in queste circostanze – la sua formazione Reiki sarà avvenuta in questi anni, in un contesto in cui (come detto, complice internet) sei Reiki Master su dieci non ritengono più indispensabile il consenso, ci sarà da aspettarsi che questa giovane Anima non ascolterà più né Shiayvam né qualsiasi Guru che potesse cercare di farle capire che forse, in quella situazione, era meglio rispettare il Percorso di quella persona.

Non ascolterà e agirà, a prescindere dai concreti “effetti” che il suo invio potrà avere, e su cui si potrebbe stendere un libro a parte.

Ma per questa sua azione, non dovrà essere giudicata, perché in quel preciso momento, quello è il suo orizzonte ed il suo modo di essere.

Lo yogi esperto, iniziato anche al Reiki, che vedrà o sarà consapevole di una situazione di sofferenza e della ferma volontà dell’interessato di “cavarsela da solo”, non muoverà un dito, consapevole che Tutto avviene nella maniera più giusta per il bene di tutti.

Anche la sua Anima sarà portatrice di una grande Luce, ma quella Luce sarà permeata di Saggezza, che darà una nuova emanazione all’Amore da esso emanato. Tale Luce avrà come strumenti un corpo mentale, astrale-emozionale, eterico e fisico evoluti, educati, purificati, yogicamente addestrati, tali da consentire uno strumento perfetto per la propria espressione nel mondo umano e anche per la comprensione a livello mentale - intellettuale di ogni questione che si ponga, quale quella del presente tema.

La giovane anima sopra descritta, buona ed amorevole ed iniziata al reiki, potrebbe considerare tale yogi come un uomo arido, freddo, di un’indifferenza mostruosa. Ma costui, fin dall’inizio, avrà già sciolto tale critica (ed ogni altra possibile) nel sorriso di chi Sa di essere unito al Tutto, di cui intende rispettare le Leggi. Che alla fine, essendo unito al tutto, sono Lui stesso.

Non si deve giudicare. Questa, del resto, è una delle prime indicazioni che vengono date lungo il Sentiero ascetico verso l’illuminazione.

E’ risaputo, in tale ambito, che la carriera terrena del Bodhisattva (discepolo sul Sentiero) si conclude nel momento in cui lo stesso realizza che è assolutamente inutile e privo di senso il formulare ed esternare giudizi, il consigliare, il resistere a qualcosa, il temere e l’ostinarsi ad agire; e si dice che fintanto che questa Comprensione non è realizzata, il Bodhisattva dovrà attenersi ad una serie di prescrizioni, tra le quali vi è, appunto, il non giudizio.

 

In tema di Reiki, sorto e sviluppatosi appunto in ambito Buddhista, questo dovrà essere il criterio guida a cui attenersi.

Tuttavia, dovendoci confrontare con i repentini cambiamenti del giorno d’oggi nel modo di praticare Reiki (cambiamenti che coinvolgono la vita di altre persone), la necessità che si staglia all’orizzonte è quella di cercare di adottare una linea di azione comune, in modo che si possa ancora dire che ciò che fanno migliaia di persone, è, ancora, qualcosa di unitario che si può chiamare Reiki, piuttosto che un’accozzaglia di pratiche adattate da ognuno secondo il proprio “Sentire”.

 

E’ nota, da sempre, in ogni cultura e contesto, la pratica del pregare per un’altra persona.

Chi prega per il suo prossimo, si appella in qualche modo a Ciò che ritiene essere trascendente rispetto a sé, possa essere chiamato Dio, Allah, Assoluto, Tao, Sorgente o in altri modi. E’ un momento in cui si cerca di mettere da parte il proprio “io” con le proprie piccole aspettative, per affidarsi ad un principio superiore. Quindi, realizzata tale connessione, spesso si cita, si nomina la persona per la quale si desidererebbe un aiuto; talvolta si esprime il desiderio (così come concepito umanamente), chiedendo in ogni caso che la Luce muova le cose come deve essere.

Famosa è la frase che Gesù avrebbe pronunciato poco prima di essere catturato: “Padre, se è possibile passi da me questo calice, ma non sia come voglio io, ma come vuoi Tu”.

Questo modo di pregare, o comunque di connettersi al Divino, appare calzante ad un essere che conosca l’Ordine di tutto ciò che è, che sia consapevole di un Sentiero evolutivo  che, in definitiva, è infinito, e che, di conseguenza, c’è e ci sarà sempre qualcosa che, a livello di comprensione, potrà sfuggirci.

Pregare in questo modo per una persona che (nel nostro modo di vedere) percepiamo essere in difficoltà, sofferente e bisognosa di aiuto, significa connettersi al Principio Superiore, alla Sorgente di senso per tutto ciò che è, e rafforzerà il legame di comune appartenenza (di chi prega, del soggetto per cui si prega, di Colui che si prega) al Tutto.

Chi prega, è consapevole che ciò che lo muove ad agire è, in qualche modo, l’impossibilità di comprendere il senso di ciò che l’altro sta sperimentando soffrendo, ed è altresì un senso di dolore, sepolto nel suo passato animico, per la memoria di esperienze simili vissute su di sé. Ma il tutto verrà “deposto” ai piedi di Colui a cui si prega, rimettendo a Tale Principio la “miglior soluzione” in vista del “massimo bene di tutti, in armonia con il Cosmo”.

Sai forse qual è il Progetto evolutivo della persona che stai trattando, o Anima?

Sei certa di sapere se la sua immediata guarigione, che tu agogni ottenere, sia nel suo massimo interesse?

Non potrebbe accadere che quell’Anima necessiti ancora di qualche tempo in quell’esperienza (sia essa di malattia, di tensione emotiva o altro) per poterla integrare appieno?

Per quanto tu possa credere che “lassù tutto venga sistemato” ti dico che i fatti comprovano che non è così, e che talvolta la guarigione richiesta avviene.

Ma se sarà avvenuta in modo prematuro, tale da non aver permesso a quell’anima di ottenere appieno la Conoscenza su quell’aspetto della vita, l’esperienza dovrà essere ripetuta, o in quell’incarnazione, o in una successiva.

Il risultato è che il percorso di quell’Anima è stato bloccato.

Operatori esoterici che praticano la magia, sanno che molti demoni, o comunque esseri disincarnati disinteressati al Sentiero evolutivo, si prestano a fornire il loro aiuto per trattamenti di guarigione.

Uno dei motivi è proprio questo: l’aiuto fornito è un dono avvelenato. Una guarigione (o aiuto d’altro genere) che, in realtà, ferma l’evoluzione di quell’Anima.

Questi aspetti andranno sempre tenuti presenti.

Pregare in ogni altra modalità, imponendo dei risultati precisi, urlandoli con rabbia e suffragando il tutto con riti, offerte e sacrifici, ricade in quell’agire dell’essere umano sofferente che, non trovando il coraggio di arrendersi, impone la sua piccolezza con rabbia, pretendendo che il “mondo esterno” si adatti al volere della sua piccola parte cosciente. Pretendendo di avere il controllo della sua vita e – in definitiva – di quella degli altri.

La persona umana, inevitabilmente, trasporta la stessa dinamica nella pratica del Reiki. Soprattutto nel caso in cui (come sovente avviene oggi) il praticante non abbia ricevuto una formazione adeguata.

Se, nell’inviare Reiki ad una persona, fossimo permeati unicamente da un senso di benevolenza, accettazione di ciò che è e compassione (inteso come senso di comune appartenenza), il trattamento si risolverebbe in una connessione, da parte dell’operatore, con il Tutto. Connesso al Tutto, realizzerebbe di essere connesso e unito anche alla persona a cui desidera inviare Reiki.

A quel punto, compiendo il coraggioso gesto (che per un illuminato è naturale) di rinunciare a capire, altro non potrebbe fare che visualizzare la persona da aiutare, insieme a se stesso e ad ogni goccia di luce incarnata o disincarnata, avvolto da una grande Luce: la Luce che a tutto fornisce un senso, la Luce Eterna, la Luce Chiara da sempre e per sempre esistente, da cui tutti i corpi, tutte le forme, tutte le vicende originano e tornano, sicuramente, prima o poi, a dissolversi.

E così, l’operatore Reiki permarrà in questo stato, inviando Luce Chiara, o meglio, realizzando che da sempre e per sempre, sia lui che la persona da trattare sono la Luce Chiara stessa, in cui ogni aspettativa ed ogni desiderio di cambiare le cose, si dissolve in un sorriso. Il sorriso del Buddha, che comprende e rispetta ogni modo di essere; che rispetta ogni opinione senza calarsi nella diatriba, avendo realizzato che le opinioni non hanno esistenza in sé; che rispetta ogni scelta, quale percorso che la singola Anima si è tracciata, a qualsiasi livello di essere e di consapevolezza, destinato sicuramente a trasformarsi in livelli sempre più alti fino alla definitiva fusione con il Tutto.

Ovviamente, questo tipo di “trattamento reiki” non richiederebbe alcun consenso.

 

Chiediamoci onestamente, ora, quante volte, decidendo di intervenire per qualcuno a cui proponiamo dei trattamenti a distanza, dimoriamo in questa consapevolezza. E quante volte, invece, agiamo mossi dai moventi più diversi: cercare di annullare o almeno alleviare, subito e adesso, la sofferenza di quell’essere perché solo l’idea di come si sente ci fa stare male e non l’accettiamo; inserire nel trattamento un intento, affinché quella persona cambi interiormente e intraprenda quella che (per il nostro piccolo modo di vedere e capire) sembrerebbe una strada più luminosa.

Ognuno può rispondere per sé.

 

Se così è, ed ogni volta che così è, sui piani densi (mondo materiale, eterico, astrale e mentale), ogni volta in cui un operatore energetico agisce mosso anche soltanto all’uno per cento (1%) da un desiderio conscio o inconscio sulla persona che vuole trattare, lo stesso si è scostato dal Centro, dalla Verità, dall’accettazione di un Senso trascendente, per sostituirvi il tentativo di materializzare il suo piccolo volere.

Cosa accade in questi casi, è risaputo: come le testimonianze ci insegnano, e come i Grandi Esseri ci hanno spiegato in innumerevoli canalizzazioni, dalla persona che opera con l’energia (anche con il solo pensiero), si stacca una bolla di energia che va a raggiungere la persona “destinataria” e che spesso, dalla stessa, è percepita anche qualora non sia stata avvisata dell’invio.

Cosa accada a quel punto, che cosa si produca, se l’energia inviata penetri in ogni caso oppure se si dissolva automaticamente, dipende da altri fattori, che in questa sede non possiamo approfondire. Quello che deve essere noto è che un’energia lavora su una persona che ne è ignara, e che in alcuni casi, in molti casi, il “danno” si produce. Allo stesso modo in cui un invio di energia non preannunciato può essere percepito, così l’energia può silenziosamente penetrare e lavorare nei corpi sottili della persona, provocando blocchi, infiammando e sbilanciando particolari energie, alterando l’umore, ed altre cose ancora.

Che si tratti di qualcosa permesso dai Sé superiore, è fuori discussione. Ma dovremmo tener presente una cosa.

 

Anche il Dalai Lama, in molti suoi scritti ed interventi, ha parlato dell’esistenza di una Verità Relativa e di una Verità Assoluta, laddove Verità Relativa (pur purificata) è la coscienza della pluralità, dell’essere un insieme di diverse soggettività, ognuna con un suo Percorso; e laddove la Verità Assoluta è consapevolezza che tutto ciò che è manifesto, è “illusione” in quanto privo di Essenza in sé e per sé, e mera manifestazione di un’Unica Cosa, del Tutto, di Ciò che è da sempre e che tutti siamo.

Il Dalai Lama, pur riconoscendo che l’unica verità è quella Assoluta, riconosce l’utilità di mantenere aperte, contemporaneamente, entrambe le prospettive.

Del resto, per un’anima incarnata quale siamo, è inutile e controproducente ostinarsi a negare la realtà che cade sotto i nostri occhi, e l’esistenza delle (e la relazione con) le persone che incrociamo sulla nostra strada.

Abbiamo dei genitori, o dei figli, o fratelli e sorelle, o amici e conoscenti. Colleghi di lavoro, persone più estranee, e persone che si rivolgono a noi per un consiglio o un aiuto.

E’ una necessità, se l’aiuto vogliamo fornirlo, poter comunicare (pur con tutti i limiti sopra visti del linguaggio e della mente). E’ un passaggio obbligato, laddove richiesti, provare ad interagire.

Per fare questo, occorre restare nell’ottica della verità Relativa, accettare di parlare ad un “tu” che non sono “io. Mantenendo, contemporaneamente, la Verità Assoluta che sia “io” che “tu”, siamo Una Cosa Sola.

Anime di diverso livello iniziatico potranno avere difficoltà a spostarsi sui diversi livelli di comprensione; oppure ci saranno alcuni che riterranno di avere conseguito la comprensione, quando, in realtà, tale comprensione per tali Anime è ancora prematura, e tutto ciò che sarà avvenuto sarà una comprensione concettuale, intellettuale.

Nessun problema. Si tratta di fasi evolutive che tutti attraversiamo o abbiamo attraversato. Ogni fase ha la sua bellezza e deve essere amata e rispettata senza giudizio.

Orbene, applicando contemporaneamente la verità assoluta e relativa, ci appare questo quadro:

il Sé superiore tutto sa, tutto ammette e tutto controlla, perché è oltre il tempo;

contemporaneamente, però, noi (anime singole ed incarnate) ci troviamo ad agire qui, nel mondo della verità relativa, a relazionarci con vari “tu” nei quali siamo invitati a riconoscere una parentela ontologica con la nostra Anima e quindi che devono essere rispettati. Rispettati ed amati come fossero noi stessi (“Ama il tuo prossimo come te stesso”, Gesù).

Quindi, dal nostro piano di densità, linearità e dualità, se proprio riteniamo opportuno agire e fare qualcosa, dovremo farlo nella maniera in cui – da anime incarnate – riusciamo a sentirci in risonanza con il nostro cammino e con la nostra comprensione del momento. Orientando il nostro agire di conseguenza, in modo etico.

Troppo semplicistico sarebbe fare quello che ci pare, pensando che intanto “i Sé superiori controllano tutto”.

E’ indubbiamente così, ma non dimentichiamo che ogni azione porterà una reazione, ciò che si semina darà un raccolto (karma, per chi ammette il termine) che potrà allungare, anche di molto, il nostro sentiero. Ovviamente anche questo sarà controllato dal nostro Sé superiore, che ci sorriderà nel momento in cui realizzeremo che il nostro agire ci ha procurato la necessità di continuare il Sentiero in terra per un consistente ciclo di nuove incarnazioni.

 

Tuttavia, come già osservato, a poco può un discorso, per quanto esposto chiaramente, se ciò che vi è contenuto non riesce a varcare i filtri mentali-emozionali di chi ascolta, o comunque se non risuona con il livello di comprensione dell’Anima che lo recepisce. E ciò non deve essere giudicato.

 

Questo è il motivo che mi porta a suggerire che ogni persona si senta libera nel suo pensiero e nel suo sentire.

 

Tuttavia, in un corpo di insegnamenti quali quello del Reiki, sorto in un serio contesto spirituale ed oggi banalizzato e (si potrebbe dire) “frullato” nel caos e nel tumulto dei mutamenti in atto nel contesto umano, mantenere delle linee guida è necessario.

Per questo, l’operatore, qualora ne abbia la possibilità, cerchi sempre di subordinare l’effettuazione di un trattamento a distanza al consenso, esplicito, della persona interessata.

Veniamo ora a dare qualche suggerimento nei casi in cui ciò non sia possibile.

All’alternativa del non agire, del non fare niente (sempre praticabile), vorremmo muoverci nell’ottica della compassione, quel comune sentire di appartenere tutti ad Una cosa sola, di essere una cosa sola.

Orbene, se ci sentiamo spinti ad agire (si tratti di un senso di profondo dolore e pietà per una situazione che avvertiamo come terribile; oppure finanche di un senso di risentimento verso un certo modo di fare o un’opinione della persona che riteniamo assolutamente necessario modificare) significa che un problema c’è. Il problema è in noi, e per questo, piuttosto che immobilizzarci nella non-azione, potremo valutare di intraprendere un lavoro su noi stessi.

Dal momento, però, che siamo tutti collegati nell’Uno, lavorando su di noi, automaticamente sarà procurato un “aiuto” al problema anche in quanto legato “all’altro”. Si tratterà di un aiuto o di una soluzione volto al più alto Interesse di tutti, probabilmente differente dalle aspettative dell’operatore, probabilmente non immediato, ma sicuramente dotato di quella perfezione che un normale trattamento reiki non avrebbe perseguito.

Per questo, nel caso in cui non sia stato possibile richiedere il consenso, e sempre che l’interessato non abbia espressamente rifiutato (nel qual caso si dovrà rispettare il suo volere umano e il suo percorso), se da una lunga e ponderata meditazione, l’operatore, in serenità, “si senta” di dover inviare qualcosa per il massimo bene del destinatario, potrà seguire tre strade, peraltro molto simili:

§        inviare Reiki, senza la soluzione, senza ambire di sapere quale possa essere il bene del destinatario, ma lasciando al Tutto, alla Sorgente di Senso di ogni cosa la soluzione migliore

§        inviare Reiki, limitandosi ad offrirlo al Sé superiore della persona, che potrà utilizzarlo nella maniera ritenuta più opportuna, con la precisa condizione che qualora non sia accettato, possa andare alla Terra o a qualsiasi essere vivente sulla sua piattaforma, o ancora in qualunque zona del Cosmo in cui tale energia possa essere utile ed accettata

§        pregare o meditare (alla maniera vista nelle pagine precedenti), nella consapevolezza che operatore e persona in difficoltà sono una cosa sola. Per chi lo conosce, è molto indicato il metodo denominato Ho’oponopono, nel quale si riesce ad armonizzare la realtà esterna (ed anche un problema del nostro prossimo) lavorando unicamente su se stessi, in un intimo dialogo con la Fonte del Tutto. Si potrà ad esempio procedere così, più volte: “Mi dispiace” (di ciò che, presente anche in me, mi ha portato il problema di questa persona); “Perdonami”; “Grazie”; “Ti amo”.

 

Se invio di Reiki ci sarà, si tratterà di un invio effettuato nel nome dell’Amore, inteso come Essenza dell’Energia che permea di senso e di vita tutto ciò che è, che avvolge contemporaneamente tutto e tutti, e quindi sia chi tratta che chi è trattato.

Qualora invece, per i motivi più diversi, l’operatore si senta condizionato da energie emozionali, blocchi di natura mentale, dinamiche relazionali particolari con la persona che vuole trattare (attrazione fisica, senso di frustrazione per una relazione affettiva negata o terminata; forti divergenze di opinione mai sanate che hanno suscitato risentimento); oppure agisca mosso dal dolore che la vicenda della persona da trattare ha smosso in se stesso e che temerebbe di sperimentare; in tal caso, se il destinatario non è stato interpellato e non ha prestato consenso, l’operatore dovrà astenersi.

L’invio, infatti, in tale stato emozionale, non sarebbe più “Trattamento Reiki”, ma un’operazione in cui, anche solo all’uno per cento, oltre a Reiki si muoverebbero anche altre energie messe in moto dalle facoltà creatrici dell’operatore: il pensiero crea, in ogni senso, ed ogni Anima porta in sé il DNA divino, il potere di creare.

Ciò potrà ovviamente accadere anche in un trattamento a distanza permesso dal consenso dell’interessato. Potrà accadere in ogni caso, e con più probabilità qualora vi siano quegli impedimenti di cui si è parlato sopra (tensioni non risolte, ecc). In tali casi, ovviamente, sarà rimesso all’operatore decidere se effettuare il trattamento oppure decidere di astenersi (pur essendone stato espressamente richiesto). Uno stato di completo centramento è raro ad ottenersi ed in fondo, corrisponderebbe alla piena illuminazione. Il problema non è questo.

Non si vuole condannare una “imperfezione”, una “personalizzazione” del trattamento che, come la condizione umana stessa, accompagna ogni operatore nel suo Sentiero. Tra l’altro, se l’intento alla base del trattamento è amorevole, ciò che giungerà sarà comunque un fascio di frequenze su quella lunghezza d’onda, pur se, forse, un po’ distorte rispetto al Naturale Fluire delle cose. Se c’è consenso, se il ricevente conosce la persona (consapevole che è una persona umana, che prova sentimenti, che ha desideri) e dichiara di fidarsi di essa (“mi fido di te”, mi è stato detto molte volte, prima di ricevere un trattamento, da chi mi conosceva molto bene, anche nei miei “spigoli), il tutto fluirà nella maniera più armonica che le condizioni evolutive, spirituali ed energetiche permettono. Quello che si vuole evidenziare, è che, constatato che la realtà è questa, che esiste sempre il rischio di un “inquinamento”, e che tale rischio potrebbe essere molto maggiore se ad eseguire il trattamento è uno sconosciuto o qualcuno che l’interessato mai avrebbe cercato come operatore (proprio in quanto corre astio per divergenza di vedute o altro),  un operatore consapevole di ciò, percorritore del Sentiero e desideroso della propria Liberazione, mai andrà ad agire in tal modo su chi non lo sa, perché un tale agire significherebbe (come si è già detto sopra più volte) voler imporre il proprio controllo, rifiutare di accettare ciò che è nel tentativo di affermarvi sopra ciò che si vuole essere.

Ad agire sarebbe, in questo caso, un essere che si è identificato e che afferma il proprio ego, intenzionato a voler cambiare le cose, anziché accettarle così come sono.

Nel caso di un rifiuto da parte dell’interessato, la scelta più opportuna e rispettosa del Sentiero di ogni essere vivente, sarà quella di astenersi dall’agire.

 Qualora l’operatore intendesse andare contro l’espresso rifiuto della persona, oppure decidesse di agire senza richiedere un consenso laddove ve ne fosse la possibilità, tale operatore non avrebbe compreso la necessità di attribuire un profondo rispetto alla Storia che quell’Anima si è scritta, comprensiva di problemi e di difficoltà e della volontà, in alcuni casi, di “fare da sé”. Volontà sicuramente e probabilmente influenzata da schemi mentali, certo. Ma altrettanto sacra, dal momento che quell’Anima ha scelto di incarnarsi rivestendosi di un corpo mentale, astrale - emozionale, eterico e fisico. Ha scelto di calarsi in una serie di esperienze e di farlo con quei corpi, con quella personalità, pur consapevole che in essa avrebbero potuto ingenerarsi dei blocchi e delle resistenze che avrebbero reso più arduo il percorso. E’ tutto stato scelto. Questa è la scelta del Sé superiore, che mai potrebbe dare un reale consenso in meditazione a che il trattamento a distanza venga fatto laddove la persona umana cosciente l’ha rifiutato.

Amore per tutto ciò che è, significa amare anche l’essere umano in tutti i suoi aspetti, anche quelli più prettamente umani. Significa quindi, evitare di cercare un “contatto con l’Anima” del fratello attraverso la meditazione, bypassando le sue componenti umane, per quanto possano risultare imperfette ed ancora da rifinire. Quell’Essere, quell’Anima, è qui in tutta la sua interezza e rivendica un suo diritto a vivere in quel modo, che è tutto suo.

E se la sua personalità (per i motivi più diversi) sarà diffidente verso Reiki, tale scelta sarà da rispettare, proprio per Amore di quella persona e di quell’Anima, che, nella sua Essenza, mai è completamente conoscibile all’operatore (anche da chi ritenga di esserne in grado), ed è comunque molto di più di ciò che l’operatore ritiene di vedere nei limiti umani di quella persona.

Resta comunque all’operatore (anche nel caso di un rifiuto) la possibilità di “pregare” per la persona, o comunque di entrare in uno stato meditativo tale da realizzare una profonda connessione con essa e con il tutto, avvolti in un alone di Luce, senza alcuna ambizione di programmare alcunché. Se l’operatore (ed è l’unico a saperlo), adoperando molta onestà con se stesso, realizza di trovarsi in una condizione di pace interiore, stabilità e assenza di paure e dolori tale da poter operare senza sbilanciamenti, lo stesso potrà praticare una tale meditazione, pregare per la persona e finanche offrire il trattamento al Sé superiore dell’interessato, con istruzione che qualora l’energia venga rifiutata (possibilità che si accetta pienamente senza giudizio) l’energia possa andare alla Terra, ai suoi esseri viventi, o in altra zona del Cosmo ove sia accettata.

 

L’operatore Reiki è e deve essere una persona avanti sul sentiero dell’Illuminazione, comunque motivata a percorrere quel Sentiero accettando ogni suo limite e riconoscendo in se stessa ogni energia, ogni emozione, ogni blocco, ogni “veleno”.

Nel libro del Tao, si spiega che l’uomo stolto non considera la malattia, e per questo resta ottenebrato; il saggio riconosce la malattia, la considera tale, ne prende le distanze, e per questo non è malato.

Possano queste riflessioni essere di aiuto ad ogni operatore Reiki, al quale va il mio rispetto più profondo e il sincero augurio di un luminoso cammino sulla strada (qualunque essa sia) che sta percorrendo.

 

                                                                        Dorje Shiayvam Atothas

  

Trattare la persona a distanza senza consenso ,          necessità del consenso per trattare a distanza , trattamento reiki a distanza e consenso del ricevente , opinioni sulla necessità del consenso del ricevente per trattare a distanza con il reiki  

Corsi Reiki Milano - Trattamenti Reiki Milano - Corsi Reiki Piacenza - Trattamenti Reiki a domicilio - Corsi Reiki a domicilio